Magazine Informazione regionale

Leopoldo Mastelloni: “Napoli è tutta malfamata. Io mi sento romano”

Creato il 16 dicembre 2014 da Vesuviolive

Leopoldo Mastelloni

Leopoldo Mastelloni, attore, regista e cantante italiano, nasce a Napoli da una famiglia di nobili giuristi. Distaccandosi immediatamente dal ramo lavorativo che incombeva in famiglia, Leopoldo Mastelloni, con un carattere da sempre esuberante, insegue la strada dell’arte, inizialmente con piccoli spettacoli teatrali giovanili andati in scena con gli amici del rione Cavour di Napoli – Barra e poi affermandosi pian piano in opere più importanti, non tralasciando la musica.

Questa sembrerebbe la descrizione di un qualsiasi artista napoletano che inseguendo i suoi sogni è arrivato alla notorietà, ma in realtà non è così. Quando si parla di Leopoldo Mastelloni, bisogna far bene attenzione ad accostarlo a Napoli, per non urtare la suscettibilità di una persona che con Napoli non vuole averci alcun punto in comune.

Intervistato dai microfoni di Radio24, nella trasmissione ‘La Zanzara’,  condotta da Giuseppe Cruciani, Leopoldo Mastelloni dichiara tutta la sua anti-napoletanità e a dispetto di questa, dichiara di sentirsi romano.

Il presentatore, Cruciani, avendo evidentemente intuito il malcontento del suo ospite, riguardo le proprie origini, si diverte a punzecchiare con abilità, ponendo domande sempre più pungenti e discriminatorie, un assist al bacio per far infangare Napoli da un ‘figlio ingrato’.

Giuseppe Cruciani: “Come si vive a Napoli? A te ti hanno rubato anche dentro casa tempo fa…”
Leopoldo Mastelloni“Io mi sento romano, a Napoli ci vado per il teatro.”
G.C. : “Vivere a Napoli è impossibile? E’ un percorso di guerra vivere lì?”
L.M. : “Non è impossibile vivere là, ma dal punto di vista sociale è un percorso di guerra più delle altre città. Essendo una città piccola e molto dominata dalla provincia, è affollata da persone di provincia che non si comportano bene quando vengono a Napoli”
G.C. : “Ma è una città pericolosa? Con tutto quello che si legge…”
L.M. : “Napoli è pericolosa perchè non ci sono zone malfamate, perchè è tutta malfamata.”
G.C. : “Non ci torneresti ad abitare? Che voto dai a questo sindaco?”
L.M. : “Non ci tornerei perchè non esiste una vita artistica internazionale. Il sindaco non lo conosco, gli darei 0. E’ sempre peggio, c’è una strafottenza sociale che ci vorrebbe l’esercito. A Napoli non si osserva nessun tipo di regola, quello che fa comodo ad una persona diventa la regola.”
G.C. : “Salvini riuscirebbe a salvare Napoli?”
L.M. : “No, lui dice delle cose giustissime non solo su napoli. Lo voterei senz’ altro. Quello che dice è perfetto. Poi bisogna vedere se si mette in atto.”

Un dibattito in piena regola più che un’intervista, un vero e proprio botta e risposta su chi più poteva ammazzare Napoli. Malfamata, pericolosa, con  un percorso di guerra per vivere, tra Cruciani e Mastelloni va in scena una vera partita di ping pong, la pallina è Napoli e per far punto basta solo l’offesa gratuita travestita da opinione personale.

Che l’immagine di Napoli e dei napoletani sia molte volte massacrata a causa di qualche mela marcia è indiscutibile ma è altrettanto vero che molte altre città a conti fatti sono molto più pericolose e invivibili ma sempre mascherate dall’alone di perbenismo estremizzato che usano per spostare l’attenzione. Purtroppo quando una città viene macchiata di titoli negativi dovuti a vicende accadute oppure a odio ingiustificato, dopo è difficile risalire a galla per spazzare via i luoghi comuni e per farlo ci vorrebbe tutta la collaborazione di chi in quella città ci è nato, ma cosa succede se proprio queste persone la rinnegano?

E’ questo proprio il caso di Leopoldo Mastelloni, un altro “core ‘ngrato”, che al posto di difendere la sua terra d’origine, fa da spalla a chi Napoli non l’ha mai capita, rinnegando e denigrando la sua città, culla di arte, cultura e genuinità.

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il pertugio no! io non ce l'ho!

    pertugio l'ho!

    (Titolo volutamente in maiuscolo a indicare il volume alto delle mie rimostranze)Ma si può, dico io, si può rovinare una intensa scena di sesso con una parola?... Leggere il seguito

    Da  Junerossblog
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI
  • Ti vedo io. Ci sono io!

    vedo sono

    In città un grande condominio di 7 piani era in fiamme.Scattato l'allarme, quasi tutti gli inquilini si precipitano fuori dagli appartamenti per mettersi in... Leggere il seguito

    Da  Sunwand
    DIARIO PERSONALE
  • Il mio quattrozampe e io : Nice

    quattrozampe Nice

    Oggi puntata molto più travagliata del solito. Con la mia lentezza bradipa e il mio essere sempre sul pezzo nel momento sbagliato ho contattato Obsidian... Leggere il seguito

    Da  Bradipo
    CINEMA, CULTURA
  • Io e Ibiza

    Ibiza

    Care amiche non potevo non condividere con Voi la mia intervista fatta da una talentuosa lifestyle e travel blogger che utilizza la creatività per comunicare... Leggere il seguito

    Da  Olga Blandano
    CREAZIONI, FAI DA TE, HOBBY
  • Recensioni: Yousafzai - Io sono Malala

    Recensioni: Yousafzai sono Malala

    È giunto finalmente il periodo dell'anno dedicato alla meditazione, alla preparazione dei nuovi e futuri viaggi ed alla lettura, il tutto corroborato dall'aria... Leggere il seguito

    Da  Enricobo2
    CULTURA, VIAGGI
  • Disney Channel rinnova Non sono stato io

    Disney Channel rinnova sono stato

    --> di Federico Vascotto - 4 luglio 2014 0 Di Federico Vascotto. Disney Channel ha rinnovato la serie per ragazzi – da poco approdata anche in Italia – Non... Leggere il seguito

    Da  Nicola933
    ATTUALITÀ, CALCIO, CINEMA, ECONOMIA, SERIE TV, SOCIETÀ, SPORT, TELEVISIONE
  • Io uccido

    uccido

    Questa recensione l’avevo programmata per la fine di luglio. La triste notizia della scomparsa dello scrittore mi ha fatto anticipare i tempi. Questo post lo... Leggere il seguito

    Da  Vittoriano
    DA CLASSIFICARE