Magazine Sport

Ligue 1 2018-19, 2a giornata: PSG con qualche brivido, cadono OM e Lione

Creato il 20 agosto 2018 da Agentianonimi
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Et voilà! Rieccoci con la Ligue 1, che è ricominciata settimana scorsa e nel weekend ci ha fatto assistere alla sua seconda giornata: qualche fatica di troppo per il PSG di Tuchel contro l’ottimo Guingamp, brutti stop invece per il Monaco (pari contro il Lille) e per il Lione, che perde contro il Reims neopromosso. Morale della favola, PSG a punteggio pieno e le altre che già faticano a tenere il passo: resistono le sorprese Reims, Nimes e Dijon, con le prime due capaci di stendere Lione e Olympique Marsiglia. Andiamo ad analizzare il turno della Ligue 1 2018-19.

Venerdì. STADE REIMS-OLYMPIQUE LIONE 1-0: CHAVARRIA STENDE L’OL– La prima sorpresa della giornata arriva venerdì, e arriva da Reims: il Lione, privo di Fekir e schierato con un 4-3-3 che vede una mediana decisamente interessante (Ndombele-Tousart-Aouar) e un attacco da urlo (Traoré-Mariano-Depay), ha ancora problemi difensivi e soccombe al sorprendente Reims, capace di vincere due gare senza subire mai gol. 1-0 al debutto, 1-0 contro l’OL, che non riesce a ribaltare la sfida nonostante i tentativi insistiti: decisiva la rete di Chavarría, che spiazza Lopes con un colpo di testa preciso al 32′.

Sabato. GUINGAMP-PSG 1-3: QUANTA FATICA PER I CAMPIONI, POI ARRIVA MBAPPÉ– Il PSG continua a sperimentare con Tuchel, che non avendo ancora tutti i reduci dal Mondiale schiera formazioni quantomeno fantasiose. Dopo il 3-4-3 con Neymar punta del debutto, stavolta tocca a un 4-3-3 con Buffon in porta, Meunier-Marquinhos-Thiago Silva-Dagba (U21) in difesa, Bernede (ex PSG B), Rabiot e Nkunku a centrocampo, Di Maria e Neymar a supporto di Timothy Weah: ancora out Mbappé, e il PSG fatica tremendamente a giocare con questa squadra. Manovra lenta e compassata, ma soprattutto difesa imbarazzante: ne approfitta Nolan Roux, che porta avanti il Dijon al 20′ dopo che Dagba aveva perso palla con uno sciagurato retropassaggio, ne approfitterebbe Benezet qualche minuto dopo, ma la sua rete viene annullata con la VAR per una spinta che non sembra influire davvero nell’azione. Sta di fatto che il PSG, nonostante un Buffon disastroso, resta appeso alla partita e la ribalta nella ripresa: Neymar pareggia su rigore (generoso), Mbappé entra e fa doppietta all’82’ e all’89’ per il 3-1 finale. PSG che ha già il miglior attacco, ma non potrà giocare così fuori dai confini nazionali.

AMIENS-MONTPELLIER 1-2: PRIMO SQUILLO PER GLI OSPITI- Il Montpellier ha effettuato un buon mercato, rinforzando soprattutto l’attacco, e ne ricava i frutti: Mollet (ex Metz) trova un gol incredibile, con un sontuoso tiro che non lascia scampo al portiere avversario e manda avanti l’MHSC al 52′, Skhiri raddoppia inserendosi e trovando il gol di testa al 71′. Inutile il rigore di Moussa Konaté all’82’: vittoria e primi tre punti per gli ospiti.

CAEN-NIZZA 1-1: FATICANO I VIEIRA-BOYS SENZA BALOMario Balotelli si rifiuta di giocare per il Nizza e continua a spingere per la cessione (OM?), il club fa muro e intanto l’ha sostituito con Myziane Maolida, ex Lione e attaccante giovanissimo: il suo debutto non verrà ricordato, dato che a segnare è chi lo sostituisce, quel Ganago che aveva già rimpiazzato Balotelli dopo alcune ”balotellate” del 2017-18. Il giovane nizzardo pareggia all’82’ e regala il primo punto ai suoi: aveva portato in vantaggio il Caen Yacine Bammou, su rigore trasformato al 52′.

DIJON-NANTES 2-0: PADRONI DI CASA IN VETTA– Nella prima giornata il Nantes aveva espresso un buon calcio ed era crollato per colpa di una difesa ai limiti dell’imbarazzante, nella seconda invece non riesce a esprimere neppure un buon calcio. I canarini sono tutt’altra squadra rispetto alla gestione-Ranieri, con più voglia di attaccare, ma interpreti che faticano tremendamente e forse (alcuni di loro) non sono all’altezza di questo campionato: a spanne ricorda molto il Lille del 2017-18, con la differenza che Cardoso è un tecnico inesperto, che al massimo ha allenato il Rio Ave e chiuso quinto in Portogallo con 51 punti in 34 giornate e molti gol subiti. I limiti del tecnico si vedono in questa partita: il Dijon fa quel che vuole, prendendo d’infilata costantemente i canarini, e trovando il vantaggio all’8′ con Tavares. Lo stesso Tavares, capocannoniere della Ligue 1 con tre reti, raddoppia al 74′: il Nantes resta anche in dieci (rosso a Touré al 78′), ma resiste ed evita l’imbarcata. Resta comunque ultimo con un gol fatto e cinque subiti, mentre il Dijon è primo a sorpresa.

MONACO-LILLE 0-0: STOP PER I MONEGASCHI– Il Monaco non ha ancora un’identità dopo le tante cessioni, e i rientri tardivi dal Mondiale non hanno aiutato Jardim, che vede il suo progetto partire a rilento. La formazione schierata contro il Lille è sperimentale, con Mboula a sinistra al posto di Lemar e Barreca titolare, e funziona solo a sprazzi: Jovetic e Falcao faticano a rendersi pericolosi, i Dogues tengono alla grande e portano a casa un punto prezioso. Se il Monaco non troverà la quadra nelle prossime 3-4 giornate, rischierà seriamente di dover lottare più per l’Europa League, che per la Champions.

RENNES-ANGERS 1-0: SARR DECIDE LA SFIDA– L’Angers cade nella seconda giornata di questo campionato, e si ferma a quota zero punti. In una gara molto bloccata, è decisivo per il Rennes il gol di Ismaila Sarr, che spiazza il portiere avversario e regala il successo ai rossoneri. Primo successo per i padroni di casa, e bellissimo arcobaleno dal vertice esterno dell’area per la giovane ala. Vedere per credere.

STRASBURGO-SAINT ETIENNE 1-1: GUEYE RIACCIUFFA IL PARI IN EXTREMIS– Lo Strasburgo potrebbe farci l’abitudine: per la seconda volta si trova in superiorità numerica prima del 20′ (era successo al debutto contro il Bordeaux: espulso Pablo al 13′), ma stavolta non arriva la vittoria. Tocca a Subotic farsi espellere al 18′, lasciando il Saint-Etienne in dieci e costringendo Gasset a sostituire Diony per riequilibrare la squadra: i Verts, con Khazri centravanti, non pungono e vanno sotto al 55′ per la rete di Goncalves. Non arriva però la sconfitta, dato che il giovane Gueye trova il primo gol da professionista e sancisce l’1-1 finale all’88’.

TOLOSA-BORDEAUX 2-1: PROSEGUE IL CALVARIO DEI GIRONDINI– Il Bordeaux non trova pace, e qualche giorno fa ha perso Gustavo Poyet: l’allenatore è letteralmente impazzito nella conferenza pre-gara, contestando apertamente la dirigenza che aveva ceduto Laborde al Montpellier (qui un riepilogo dei trasferimenti della Ligue 1) per 3mln senza consultarlo. Furia comprensibile, visto che viene ceduto senza essere rimpiazzato l’attaccante titolare e fautore della qualificazione in Europa League, ma tra un insulto qua e una minaccia ai giornalisti là Poyet si guadagna anche l’esonero per giusta causa: per ora è sospeso, appena verrà trovato un nuovo tecnico (la panchina è stata offerta a Thierry Henry) verrà giubilato da un Bordeaux che ha mille problemi economici e sta di fatto smantellando la squadra e facendo un mercato discutibile. I 41mln di Malcom sono serviti a far sopravvivere un club che è in vendita, ma non vede sviluppi nella trattativa per cedere le quote e rischia grosso sul campo. Neppure il derby della Garonna risveglia un Bordeaux in tono minore, che al momento è una delle peggiori squadre della Ligue 1 per grinta e applicazione difensiva: Leya Iseka (fratello di Batshuayi) approfitta di una dormita difensiva (i girondini chiedevano un fallo non fischiato) per prendere la mira e spiazzare Costil dalla distanza (con questo gol qui, mica male), Dossevi raddoppia al 67′ e regala la prima vittoria al Tolosa. Nel mezzo, l’arcobaleno inutile di Kamano, unico giocatore di livello in un Bordeaux preoccupante: la squadra è ultima, con zero punti in due gare, un gol fatto (oggi) e quattro subiti.

#TFCFCGB Et la magnifique égalisation de Kamano comme réponse au but de Leya Iseka pic.twitter.com/c7752WcD8l

— Alex (SerialKiffeur) (@Alex_InDaHouse2) 19 agosto 2018

NIMES-OLYMPIQUE MARSIGLIA 3-1: SORPRESA NEL POSTICIPO SERALE, NIMES PRIMO COL PSG– Dopo il 4-0 della scorsa settimana e la grande prestazione nella gara di debutto, tutti si aspettavano un nuovo show del Marsiglia, per di più contro un Nimes che aveva sofferto difensivamente contro l’Angers e vinto 4-3 in un match divertente e combattuto. E invece la neopromossa sorprende tutti, vincendo e andando in testa a punteggio pieno con Reims, Dijon e PSG: è Bouanga ad aprire le marcature al 34′ con uno strepitoso slalom in mezzo alla difesa dell’OM, che schiera dall’inizio i campioni del mondo Mandanda, Rami e Thauvin e il debuttante Caleta-Car, ma nulla può di fronte allo strapotere del nazionale gabonese, un giocatore che avevamo adocchiato nella scorsa Coppa d’Africa e si sta confermando. L’OM pareggia in ripartenza con Thauvin al 49′, ma fa una fatica tremenda in difesa e torna sotto. Chi di contropiede ferisce, di contropiede perisce, e così dopo una nuova scorribanda di Bouanga, Thioub trova il gol del nuovo vantaggio: nel finale ci pensa Ripart a chiudere lo score sul 3-1. OM battuto e già a -3 dal PSG, e con Mandanda che va ko al 65′, col risultato sul 2-1, venendo sostituito da Yohann Pelé: è lui a subire l’ultima rete, che regala la vittoria al Nimes contro l’OM a 40 anni dall’ultimo successo, datato aprile 1978.

Marseille's defence was shown up badly by Bouanga, who swooped to open the scoring for Nimes. pic.twitter.com/eaKF1za8yA

— Goal (@goal) 19 agosto 2018

La classifica dopo la seconda giornata: PSG, Reims, Nimes e Dijon 6, Monaco, Strasburgo, Saint-Etienne e Lille 4, OM, Lione, Rennes, Tolosa e Montpellier 3, Nizza e Caen 1, Angers, Guingamp, Amiens, Bordeaux e Nantes 0.

Classifica marcatori: Tavares (Dijon) 3 gol, Thioub e Ripart (Nimes), Thauvin (OM)Mbappé, Neymar (PSG) e Payet (OM) 2 gol, poi 38 giocatori con una rete.

LA PROSSIMA GIORNATA:

Venerdì 24 agosto, h. 20.45: Olympique Lione-Strasburgo

Sabato 25 agosto, h. 17: PSG-Angers

Sabato 25 agosto, h. 20: Amiens-Reims
Montpellier-Saint Etienne
Nantes-Caen
Nizza-Dijon
Tolosa-Nimes

Domenica 26 agosto, h. 15: Lille-Guingamp

Domenica 26 agosto, h. 17: Bordeaux-Monaco

Domenica 26 agosto, h. 20: Olympique Marsiglia-Rennes.

(di Marco Corradi, @corradone91)

PER TUTTE LE NEWS E GLI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU: AGENTI ANONIMI.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

L'articolo Ligue 1 2018-19, 2a giornata: PSG con qualche brivido, cadono OM e Lione proviene da Agenti Anonimi.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :