Magazine Informatica

LineageOS 17.1 disponibile per OnePlus 2, Redmi Note 7, Galaxy A5 e diversi altri

Creato il 01 giugno 2020 da Paolo Dolci @androidblogit
lineageos 17.1

Il team di sviluppo di LineageOS 17.1 è tornato attivo al 100% dopo aver subito un attacco hacker ai propri server. Ciò lo si nota soprattutto dalla decisione di rilasciare, in contemporanea, LineageOS 17.1 per 17 nuovi smartphone.

SmartphoneNome in codice + Wiki LinkSviluppatori

Essential Phonematahaggertk, intervigil, npjohnson, rashed

Motorola Moto X (2014)victarajro1979, linckandrea, npjohnson

OnePlus 2oneplus2OzzysCmAcc, aviraxp

OnePlus 7guacamoleb (mirror)*AshwinRC

Samsung Galaxy A3 (2016)a3xeltedanwood76, Stricted

Samsung Galaxy A5 (2016)a5xeltedanwood76, Stricted

Samsung Galaxy Grand 2 Duosms013g (mirror)*djchittoor

Samsung Galaxy S5 Neos5neoltedanwood76, Stricted

Wileyfox Swiftcrackling115ek

Xiaomi Mi A2jasmine_sprout (mirror)mikeioannina

Xiaomi Mi 6Xwayne (mirror)*Isaac Chen

Xiaomi Mi Note 3jasondianlujitao

Xiaomi Redmi 2wt88047nicknitewolf

Xiaomi Redmi 7onclite (mirror)*Dhina17

Xiaomi Redmi Note 5 Prowhyred (mirror)*srfarias, SebaUbuntu

Xiaomi Redmi Note 6 Protwolip (mirror)*DD3Boh

Xiaomi Redmi Note 7lavender (mirror)*erfanoabdi

Ci teniamo a ricordare che LinageOS è un progetto open source. Anche se moltissime versioni non ufficiali di LineageOS 17.1 basate su Android 10 sono disponibili da mesi (proprio perché chiunque può scaricare il codice e modificarlo adattandolo alle proprie esigenze), il team di sviluppo ufficiale si sta approcciando solo ora al rilascio delle versioni complete.

Installazione di LineageOS 17.1

Per installare la ROM sul vostro smartphone, vi servono il bootloader sbloccato e una recovery custom come la TWRP. Se avete questi requisiti, la guida passo passo all’installazione di LineageOS 17.1 la trovate qui di seguito:

––’
  • Effettuare un Nandroid backup in caso di eventuali problemi (la nostra guida passo passo)
  • Scaricare le ROM in formato .zip e le Google Apps in formato .zip 
  • Riavviare lo smartphone in modalità recovery (tasto di accensione più tasto volume su)
  • Effettuare il wipe di dalvik, cache, data e system
  • Flashare prima la ROM e poi le Google Apps
  • Riavviare

È bene ricordare che l’installazione di una Custom ROM e il precedente sblocco del bootloader e installazione di una recovery custom vanno ad invalidare la garanzia legale del produttore.

VIA

modding-rom-rooting2020-06-01Lorenzo Spada

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog