Magazine Diario personale

Lo spettacolo della miseria

Da Il Gazzettino Del Bel Mondo

Lo spettacolo della miseriaPer quello che vi devo raccontare oggi non c’è proprio da affilare l’ironia. Neanche da provarci, e non ci provo.

Tarda mattinata a Certosa. Fra i passanti c’è un giovane uomo scalzo, con un cappottaccio lercio e grande, forse sotto è nudo. Lo vedo e tiro fuori qualche moneta. La gente lo evita come la peste. Lo guardo ancora e decido che è il caso di tirare fuori dell’altro. (poi mi pentirò di non essere stata più generosa) Mi avvicino, gli chiedo da dove viene, mentre guardo i suoi capelli ingarbugliati, i suoi occhi un po’ allucinati, i suoi piedi che sfregano l’asfalto. Dalla Bulgaria, mi dice lucido, e mi spiega che deve comprarsi una tenda per dormire. Penso al perchè e al come sia piovuto lì’, come dal nulla, mi dispiace che non si fermi nessuno. Perchè?

Ma ecco c’è un signore che si avvicina, esce dalla folla del mercato del sabato, bene, non sono tutti indifferenti.

Invece si ferma a metà percorso, tira fuori il cellulare, si concentra per inquadrare bene, e fa “click”.

Il giovane bulgaro non si rende conto. Io sì. Sono tanto basita che non riesco a trovare parole.

Quell’imbecille se ne va senza offerta, Non senza avere immortalato lo spettacolo della miseria.

Non si sa mai che questa sera faccia bella figura sui social… (Marina Salucci)

Annunci

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :