Magazine Cultura

Lo yoga nel teatro - jerzy grotowski

Creato il 03 aprile 2020 da Scatolaemozionale

Eccoci arrivati al secondo venerdi dedicato ai personaggi teatrali che hanno attinto dallo yoga per le loro pratiche, in particolare, di preparazione alla scena.

Dopo Stanislasvkij, che lasciò un bagaglio e una eredità non indifferente, il successivo lavoro di "rottura" con il passato dai vecchi schemi interpretativi e di preparazione dell'attore viene preso in mano da J. Grotowski (Rzeszów, 11 agosto 1933 - Pontedera, 14 gennaio 1999) regista teatrale polacco, fu una delle figure di spicco dell'avanguardia teatrale del Novecento.

È ricordato per aver ideato una rivoluzionaria tecnica di formazione per gli attori; esponente del teatro d'avanguardia creò la concezione di "teatro povero" che ispirò il cambiamento nell'approccio alla recitazione a lui successivo.

LO YOGA NEL TEATRO - JERZY GROTOWSKI

"Da giovane mi domandavo quale fosse il mestiere possibile per cercare l'altro e me stesso. Per cercare una dimensione della vita che fosse radicata in ciò che è normale, organico, perfino sensuale, ma che oltrepassasse tutto questo, che avesse una sorta di assialità, di asse, un'altra dimensione più alta che ci oltrepassa. A quell'epoca volevo studiare o l'induismo per lavorare sulle diverse tecniche dello yoga o medicina per diventare psichiatra o l'arte drammatica per diventare regista".

A differenza di altri suoi colleghi, a Grotowski interessava il teatro non come un fine ma come un mezzo. Infatti, le necessità che emergevano da una società prostrata dalle guerre mondiali, da una precarietà della vita imperante e da alcuni strappi insondabili all'interno del tessuto umano portano a spostare la priorità espressiva dalla formula "l'arte per l'arte" a "l'arte per la vita" o addirittura " l'arte della vita". Peter Brook dirà, riguardo la ricerca affrontata da Jerzy Grotowski, che quest'ultimo riuscì perfettamente ad usare l'arte del teatro come "veicolo".
Lo scopo con cui questo regista si approccia al teatro è infatti unico. Per lui la cosa più importante erano le prove, lo spettacolo in quanto tale diventava un qualcosa che avveniva tra attore e spettatore, un rapporto unico in quel preciso momento.

Ed è proprio a queste particolari relazioni umane che hanno portato Grotowski a interessarsi del teatro.

. " Abbiamo nel nostro corpo un corpo antico" - afferma Jerzy Grotowski nel 1985-86 - "un corpo rettile, potremmo dire. [...] Ho cominciato a chiedermi come tutto ciò fosse collegato a un'energia primaria, come - attraverso diverse tecniche elaborate nelle tradizioni - si sia cercato un accesso a questo antico corpo dell'uomo "

LO YOGA NEL TEATRO - JERZY GROTOWSKI

Gli "esercizi fisici", secondo il regista, fornivano l'area di lavoro per andare oltre: spesso erano basati su posizioni e movimenti ginnici molto vicini all'
Hatha yoga e si fondavano su una "qualità di sfida". Affrontando questa sfida, atteggiamento questo molto simile a quello taoista, l'attore raggiungeva una condizione di "fiducia primaria", quando riusciva a vincere la sfida trovando il suo "modo" (la sua via) per raggiungere uno stato ignoto "lasciando che fosse la propria natura (per quanto possibile) a trovare il modo"

LO YOGA NEL TEATRO - JERZY GROTOWSKI

A Pontedera, Grotowski sviluppa una nuova fase, forse più artigianale, del suo lavoro, sempre più strettamente imperniato sulla performance applicata agli antichi canti vibratori africani e afro-caraibici come strumenti (puntualizza Richards) "per realizzare un lavoro su se stessi" e al fine di "aiutare l'organismo in un processo che si può definire una trasformazione di energia"
L'arte come veicolo dunque per trovare la propria insita natura.

Vi lascio con un video, relativo al Training per "Laboratorium" in Wrocław del 1972 che racconta l'idea che aveva movimento naturale del corpo.


Il Teatr Laboratorium. Materiali 1959-1969 Jerzy Grotowski - editore La Casa Usher


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine