Magazine Cultura

Lu pùlice temocraticu

Creato il 06 aprile 2016 da Cultura Salentina

6 aprile 2016 di Redazione

di Franco Melissano

daumier

“Crispin e Scapin” (1864 circa), Honoré Daumier (1808 – 1879), Museo d’Orsay – Parigi (Olio su tela cm. 60,5 x 82)

Zumpandu su lle mani a lli mpiacati

doi pùlici ca stìane ngucciati

sutta ll’archiviu te lu tribbunale,

senza mancu cu nchianane le scale,

se truvàra a ccorpu traspurtati

intru ll’uffiggi te li maggistrati:

vìttera lu vabbeni generale

e se nvitàra a llu capucanale.

Lu pùlice cchiù vecchiu, cchiù bbasatu,

tisse a quiddh’ addhu, carusu e spanatu:

“Pizzica li mputati e l’avvucati,

mozzica cancellieri e mpiacati,

ma nu zzumpare su lli maggistrati,

ca quiddhi a nnui nun ci annu mai tuccatu.”

Tuttu fiatu sprecatu!

“Mamma, cce lagna te pùlice nzianu!

Lu giutice nu ttene sangu umanu?

Ce bbe ca c’è te stranu?

Temocrazzia pe ppùlici e persone!

Nu ss’ave fare nuddha tistinzione.

Iu nu llu lassu, none.”

Issufattu zumpàu ddhu fetente

andirittura su nnu presitente.

Quistu ncigna sse sente

pizzicare a ppuntu cu llu pelu

ca pe ddecenza ttocca cu nu svelu.

E mo’, abbrite celu!

Sindacu, cuardie, giunta e giurnalisti

mobbilitati pe llu repulisti.

Tre timbri e quattru visti,

se ssetta a llampu la mministrazzione

e firma pe nna disinfestazione

cu pronta secuzzione.

Pe n’iteale te temocrazzia

ddhu pùlice ne fice pulizzia.

———

La pulce democratica. Saltando sulle mani agli impiegati/ due pulci che se ne stavano nascoste/ sotto l’archivio del tribunale,/ senza nemmeno salire le scale,// si trovarono di colpo trasportate/ dentro gli uffici dei magistrati:/ videro il va e vieni generale/ e si autoinvitarono al banchetto.// La pulce più vecchia, più assennata,/ disse a quell’altra, giovane e sventata:/ “Pizzica gli imputati e gli avvocati,// morsica cancellieri e impiegati,/ ma non saltare sui magistrati,/ poiché loro non ci hanno mai dato fastidio.”// Tutto fiato sprecato!/ “Mamma mia, che lagne da pulce anziana!/ Il giudice non ha sangue umano?// Che cosa c’è di strano?/ Democrazia per pulci ed esseri umani!/ Non si deve fare alcuna distinzione.// Io non lo lascio, no.”/ Ipso facto saltò quel birbante/ addirittura su di un presidente.// Costui comincia a sentirsi/ pizzicare in un punto peloso/ che per decenza non devo precisare.// E mo’, apriti cielo!/ Sindaco, vigili urbani, giunta e giornalisti/ mobilitati per il repulisti.// Tre timbri e quattro visti,/ si riunisce in un battibaleno l’amministrazione (comunale)/ e delibera per una disinfestazione// con esecuzione immediata./ Per un ideale di democrazia/ quella pulce ci fece pulizia.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine