Magazine Tecnologia

Luke Thompson: Migliorie per la motion sickness e altre novità nel 2017

Creato il 02 febbraio 2017 da Oculusriftitalia
Luke Thompson: Migliorie per la motion sickness e altre novità nel 2017

Provando diversi software in VR, mi ritengo abbastanza fortunata ad aver avvertito poche volte la sensazione di motion sickness, questo mi capitò solamente con i primi giochi provati su Oculus Rift, ancora non rifiniti alla perfezione o con prototipi. Si parla spesso del modo in cui poter risolvere definitivamente questo problema molto fastidioso che può portare determinate fasce di utenti a non voler addirittura riprovare la realtà virtuale, e questo determina certamente un limite non indifferente in termini di vendite e mercato. Ma chi più di un esperto del settore che lavora ogni giorno su dispositivi VR al fine di diminuire questa sgradevole sensazione, potrebbe illustrarci come stanno cercando di lavorare gli sviluppatori a riguardo? In questo caso, è stato chiamato a rispondere sull'argomento Luke Thompson, co-fondatore della SIGTRAP Games (creatori di titoli come Sublevel Zero), che al Develop:VR, evento che si svolge a Londra in cui è possibile apprezzare nuove invenzioni su realtà virtuale ed aumentata, ha dichiarato che ridurre la motion sickness e aumentare i livelli di comfort degli utenti non è affatto semplice; egli pensa che non si possa risolvere definitivamente a meno che qualcosa non venga iniettato direttamente nel nostro cervello, ingannando il sistema nervoso, ci saranno sempre problemi di questo tipo poiché il nostro cervello avverte una mancata corrispondenza tra i diversi stimoli che sta avendo. Si potrà portare un miglioramento del 99% ma rimarrà sempre l'1% di possibilità, caratterizzato da persone che continueranno a reagire male a questo tipo di tecnologia. Un modo che stanno pensando gli sviluppatori per poter ovviare a questo problema, potrebbe essere creare giochi in cui la telecamera presenti un certo tunnel visivo, cioè un effetto vignettatura che limiti la visione circostante, seguendo le traiettorie in cui si muove il player in gioco, diminuendo in questo modo le informazioni che arrivano agli occhi quando si guarda una determinata zona e la quantità di movimento che il nostro cervello cerca di interpretare.

Il 2017 continuerà ad essere un anno di scoperte. Abbiamo capito il potenziale della realtà virtuale ma ancora non sappiamo come sfruttarla nel miglior modo possibile per consentire anche a chi non se n'è mai interessato di volerla utilizzare e provare.

Queste le parole di Luke Thompson sul futuro della VR in quest'anno, egli afferma inoltre che sarà difficile poter capire quale sia un qualcosa, attualmente non scoperto, che si ha la possibilità di fare solo in realtà virtuale, insomma un punto che la possa rendere necessaria e appetibile a tutte le fasce d'utenti e di conseguenza commerciale e aperta a tutti. L'intento è quindi quello di trovare un'applicazione che inizi una rivoluzione dal quale non sarà possibile tornare indietro; una di queste è probabilmente creare degli ambienti multiplayer locali in cui le persone possono interagire e comunicare. Alla domanda di quali saranno le novità per il 2017, Thompson ha inoltre citato la soluzione wireless per i visori, che sarà certamente indispensabile, eliminando l'ingombro di quei grandi cavi con cui molti tipi di persone faticano a familiarizzare per mancanza di spazio o per scomodità. I nuovi tracker che modificheranno e renderanno migliore l'esperienza in VR saranno anch'essi fondamentali, ma la risposta principale si incentra sempre su una killer application che porti la tecnologia a diventare quotidiana, come utilizzare un normalissimo smartphone o visitare Facebook. Luke Thompson, ha certamente saputo darci un quadro generale di dove andrà a parare la realtà virtuale nel 2017, non ci resta quindi che attendere questi nuovi sviluppi e noi di VR Gamer saremo pronti a mostrarveli.

Luke Thompsonmotion sicknessSIGTRAP Games

A proposito dell'autore

Luke Thompson: Migliorie per la motion sickness e altre novità nel 2017

Post correlati

  • Luke Thompson: Migliorie per la motion sickness e altre novità nel 2017
  • Luke Thompson: Migliorie per la motion sickness e altre novità nel 2017

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :