Magazine Musica

Malika Ayane, Niccolò Fabi, Radici nel Cemento, Daniele Silvestri e Nina Zilli per il capodanno di Roma 2014.

Creato il 22 dicembre 2013 da Pjazzanetwork
Malika Ayane, Niccolò Fabi, Radici nel Cemento, Daniele Silvestri e Nina Zilli per il capodanno di Roma 2014.

15 municipi, 15 giorni per vivere le feste. Quest’anno dal 22 dicembre al 6 gennaio, tutta la città dal centro alla periferia, è animata dalla cultura: 150 eventi,  in oltre 100 luoghi della città80 associazioni coinvolte, per lo più composte da giovani operatori che lavorano sul territorio.
Un’ offerta ricchissima di tutte le forme artistiche: dalle visite archeologiche, ai concerti, alle letture, al teatro, ai laboratori per bambini, ai ciclo tour alla scoperta della street art, ad azioni di riqualificazione urbana.
L’Assessorato alla Cultura, Creatività e Promozione Artistica di Roma Capitale in collaborazione con la Commissione Cultura e con tutti i Presidenti e gli Assessori alla Cultura dei Municipi, lancia quest’anno la Festa in tutti i quartieri di Roma, pensata anche per persone che si trovano in una condizione di difficoltà o emarginazione, ma anche per i bambini, le famiglie e tutti coloro che vogliono vivere il proprio quartiere.
:: CONCERTO AL CIRCO MASSIMO

Gli artisti - Malika Ayane, Niccolò Fabi, Radici nel Cemento, Daniele Silvestri e Nina Zilli - sono stati scelti - ha detto il Sindaco, "per il loro talento e la loro popolarità e per essersi sempre impegnati a favore delle donne, alle quali il concertone di quest’anno è dedicato".
I musicisti si alternano sul palcoscenico allestito al Circo Massimo (prima delle novità annunciate), presentati da Gioia Marzocchi, giovane conduttrice di Sky. Aprono la notte di musica, gratuita come è tradizione, i Radici nel cemento, storica reggae band romana. 
Seguono poi le esibizioni degli altri artisti, tutti romani, fino a poco prima di mezzanotte quando scatta il countdown. Brindisi al nuovo anno con il sindaco Marino e tutto il pubblico. La serata prosegue e si conclude a notte.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog