Magazine Attualità

Manifestazioni in grecia contro le riforme e i tagli del paese per ricevere il prestito di 120 miliardi dell'ue

Creato il 02 maggio 2010 da Madyur
MANIFESTAZIONI IN GRECIA CONTRO LE RIFORME E I TAGLI DEL PAESE PER RICEVERE IL PRESTITO DI 120 MILIARDI DELL'UE

Gas lacrimogeni sono stati sparati contro i manifestanti in protesta in Grecia contro i tagli previsti dal governo per salvare la loro economia. Migliaia di manifestanti organizzati dal sindacato di sinistra e sono scesi ad Atene per un marcia per opporsi ai tagli salariali, aumenti e e le pensioni .

La polizia antisommossa ha dispiegato gas lacrimogeni sulla folla dopo aver lanciato sassi contro i manifestanti . Ci furono scene simili nella città settentrionale di Salonicco dove giovani locali hanno attaccato negozio e bancomat.

La Grecia deve tagliare il disavanzo di bilancio di 24 miliardi di euro per assicurarsi 120 £ miliardi di euro di prestiti da parte dell'Unione europea e del Fondo monetario internazionale per i prossimi tre anni. I dettagli dei tagli non saranni rivelati fino a dopo il prestito è garantito, ma il primo ministro George Papandreou ha messo in guardia il paese a prepararsi per una periodo di disagio.

Il governo francese ha dichiarato che spera di avere un accordo concordato entro la fine del fine settimana. Senza il prestitoper la Grecia sarebbe devastante per la proprio economia, con onde d'urto in tutta la zona euro. Tuttavia molti greci si oppongono all' austerità e alcuni gruppi di sinistra hanno promesso di intensificare le proteste pubbliche.

Nikos Diamantopoulos, che stava partecipando ad una manifestazione organizzata dalle sindacati filo-comunista, ha dichiarato: "Queste misure sono morte. Quante persone stanno andando a vivere domani, come possono sopravvivere, non capisco ". Leader di Coalizione di Sinistra Tsipras Alexis ha detto ai giornalisti in una delle piazze di Atene : "Il popolo greco non deve nulla a nessuno. Coloro che hanno spudoratamente rubato denaro pubblico e fondi pensione".

La spesa pubblica in Grecia ha rincorso debiti pari al 115 per cento del prodotto interno lordo, con un conseguente abbassamento del loro credito dell'economia rating. La scorsa settimana i debiti del paese sono stati declassati a "junk bond", provocando un calo del valore dell'euro e il timore di un "effetto contagio" in modo simile nelle vulnerabili economie dell'Europa meridionale della Spagna e del Portogallo.

madyur

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :