Magazine Cultura

Mannitidiriale, “No, grazie, il caffè mi rende nervoso”

Creato il 30 aprile 2018 da Marvigar4

Mannitidiriale, “No, grazie, il caffè mi rende nervoso”

Michele [rivolto a Diecidecimi]: Dieci De’, ce sta nu ferit’, vien’ a cca! [rivolgendosi poi al ferito] State calmo! Se non vi agitate è meglio. Chi siete?

Ferito: Sentite, sentite che profumo vene ’a mare… | pecché proprio stanotte e no dimane?

Michele: Chi è stat? Chi è stat?!

Ferito: Guardate quanta gente ’aret a vuje [Michele si volta e vede che non ce nessuno] | e tutti m’addimanneno: “chi è stato?” | Pe’ me so’ stat’ lloro… | o forze vuje?

Michele: Io?

Ferito: Pur stanotte so’ stato sfurtunato… E vuje chi site… addo’ stive, quann’ je sbagliavo… e nun me preoccupavo d’e lacrime e mia madre e mio padre? Pecché vuje o cunosciveve bbuono a mio padre!

Michele: No, mai visto!

Ferito: È stat’…

Michele: Chi è stat?! Chi è stat?!

Ferito: È stat’ bell. [il ferito poi, ansimando, farfuglia qualcosa] Manniti di riale…

Michele: Chi?!

Ferito: Mannitidiriale!

Michele: Mannitidiriale? [l’uomo ferito muore]

Arrivano due macchine, si fermano ed escono cinque persone. Una dà uno schiaffone a Diecidecimi.

Michele: lasciatelo stare! Non vi poteva vedere, è cieco!

Guappo: sì, cieco! E vuje che facite ca, verdaiuolo ? A rocchia ha saputo a n’asse e renare ca ruie ferlocc hann fatt biscotto. E tu ch fai? O Scartiloffista o o scatuozzo? Scartiloffista o scatuozzo?

Michele: …Scatuozzo!.. [SCIAF!!! SCHIAFFONE!].. Scartiloffista! [PAM!! Pugno in pancia]

Guappo: Voglio sapè addò stà a cupa da torta. Fa movere a dannosa sinnò pe ttè vene subbito a certa. A coscia e cavallo mia nun perdona…Parla!! Che t’ha ritto l’apostolo?

Michele: L’apostolo… Non so niente!

Guappo: Chistu marrocco ha parlato cu vvuie primma e murì! Parla! Chi ha rato fibbiasteveza ropp c’hanno apierto a tabacchina? A nuje c’hanno rato sulo balorde e loro se so tenut a salina. Parla! Nun te cunviene ca te mett e rambose ’ncuollo!

Diecidecimi: Signor Giuffrida parlate! Per l’ amor di Dio parlate! Ma pecchè nun parlate?

Michele: Ma pecchè nun parl tu si è capit quaccos!

Scagnozzo: Capo questo addosso non c’ha niente!

Guappo: E facìte e canarini ca ve cunviene!!! Chi ha parlat l’ultim curt? Chi ha parlat?

Diecidecimi: Lui,è stato lui! Io non c’ero, io stavo più lontano.

Michele: Ma pecchè tu nun l’è sentut chell c’avimm rit?

Guappo: E ch ha rit? ch ha rit?

Michele: Ha rit nu sacc e cos… e lacrim ro pat e da mamma, l addor ro mare, na vita sfurtunat e addò stev io quann iss facev gli errori…nu sacc e cose ha rit!!! Ah si si, ha rit pur, non mi vorrei sbagliare,  manniti di riale o mannitidiriale tutt attaccat. Mo nun me ricord. No no,ha it manniti di riale staccato mo me ricord.

Guappo: Passm na scambus!!

Diecidecimi: Ma che cosa gli volete fare ? Lasciatelo stare! Che gli state facendo?? Laaaaaassm!

Guappo: E allor?Allor? Giuffrida: A sigarett!!! Statv accort!!! A sigarett!!! Ahhhhhhhhh!!!!!

Diecidecimi: Signor Giuffrida parlate!! Chist v’accidono,parlate!

Michele: Uè io agg capit manniti di riale,mo si era attaccat o staccat nun me ricord, ma era manniti di riale.

Mastino: Capo chisti dduie nun so rrobb pe nuje. Nce sfottn. Cà nce vo o specialist. Aspett nu mument. Mo me arrricord addo l aggio vist!! Chist stev annanz o magazzin ra Pasàm.

Michele: Nun è over nun è over… e lassm!!!

Mastino: Si. E sicuramente o muort t’ha dat quacc cosa.Si… e sape chell ca stamm cercann. E’iss capo, è iss!

Guappo: Guagliù iate subit a perquisì a casa e stu traditore. Mastì pensamm a chisti duje, caricamml ngopp a na bagnola. Purtamml int a na santosa. Muvite e fangose ja!


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog