Magazine Società

Marta Cartabia è il nuovo presidente della Corte Costituzionale, 12 dicembre 2019

Creato il 14 dicembre 2019 da Paolo Ferrario @PFerrario

Marta Cartabia è il nuovo presidente della Corte Costituzionale. Eletta con 14 voti su 15 - lei ha votato scheda bianca - Cartabia, 56 anni, già vicepresidente, è la prima donna a ricoprire la quarta carica dello Stato. Il suo, però, sarà un mandato breve. Nove mesi appena. L'ufficio di giudice costituzionale non può durare più di nove anni e lei è stata nominata - per volere di Napolitano - nel settembre del 2011. All'epoca quarantottenne fu tra i più giovani giudici mai entrati alla Consulta, la terza donna dopo Fernanda Contri e Maria Rita Saulle. Giurista cattolica, con lunga vicinanza a Comunione e Liberazione, il suo nome circolò la scorsa estate, prima della nascita del Conte bis, per la presidenza del consiglio. Se i giallorossi non si fossero messi d'accordo sarebbe stata, con ogni probabilità, la prima premier donna. Laureata nel 1987 all'Università degli studi di Milano con Valerio Onida, poi presidente della Corte costituzionale. Tesi sul diritto costituzionale europeo. " Di lei ha grande stima anche l'attuale capo dello Stato Sergio Mattarella: i due condividono l'esperienza di giudici costituzionali per alcuni anni, in cui sono anche vicini di casa, nella foresteria della Consulta. Anni fatti anche di qualche cena insieme in un ristorante romano, "un po' come studenti fuorisede", come racconterà poi lei stessa in un'intervista". Sposata e madre di tre figli, appassionata di jogging, trekking e musica. Habituée delle prime della Scala non disdegna però il rock. Corre sentendo in cuffia i i Beatles e i Metallica.
"Ho rotto un cristallo spero di fare da apripista. Spero di poter dire in futuro, come ha fatto la neopremier finlandese, che anche da noi età e sesso non contano. Perché in Italia ancora un po' contano".

Categorie: Marta Cartabia è il nuovo presidente della Corte Costituzionale, 12 dicembre 2019

Pubblicato da Paolo Ferrario

https://mappeser.com/paolo-ferrario-2/ Vedi tutti gli articoli di Paolo Ferrario


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog