Magazine Società

Massima allerta per rischio incendi boschivi su tutto il Verbano e la provincia

Creato il 27 ottobre 2017 da Stivalepensante @StivalePensante

Diversi sono gli incendi che hanno colpito e stanno colpendo in questi giorni la provincia di Varese, prima i boschi tra Tronzano Lago Maggiore e Maccagno con Pino e Veddasca e dopo, ieri ed anche oggi, il Parco Regionale Campo dei Fiori. Così, è il Centro Funzionale Monitoraggio Rischi Naturali di Regione Lombardia ad emettere un avviso di criticità, per rischio incendio boschivo.

" Nella giornata odierna, venerdì 27 ottobre, infatti, si osserva il transito di un fronte freddo da nord con rinforzo dei venti settentrionali dalla tarda mattinata su fascia alpina e prealpina, in estensione alla pianura nel pomeriggio. La ventilazione più sostenuta è prevista per il primo pomeriggio e coinvolgerà tutti i rilievi e le valli, mentre in pianura si concentrerà soprattutto sulla zona occidentale (F13); dalla serata rapida attenuazione ovunque. Da segnalare, inoltre, i bassi tassi di umidità (venti secchi) con episodi locali di foehn sulle zone occidentali della regione. Si segnalano pertanto condizioni favorevoli allo sviluppo e alla propagazione di incendi boschivi sui settori di nord-ovest".

" In conseguenza del protrarsi di condizioni meteo stabili con assenza di precipitazioni significative e aumento della ventilazione anche a carattere di foehn, degli incendi verificatesi e ancora in atto sulla zona omogenea F4, si raccomanda di attivare adeguate azioni di sorveglianza e pattugliamento del territorio che dovranno riguardare prevalentemente i Comuni ricadenti nelle classi di rischio 3, 4 e 5 del Piano regionale delle attività di previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi e i Comuni colpiti dagli incendi recenti. I codici arancione sono da considerarsi validi per i prossimi giorni fino a emissione di documento di revoca".

Per conoscere gli scenari potenziali ed i livelli di allertamento, cliccare qui.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :