Magazine Passione Motori

McLaren MCL33: ridisegnata la parte posteriore | FP – Formula 1 – Motorsport

Da Chiaramarina
McLaren MCL33: ridisegnata la parte posteriore | FP – Formula 1 – Motorsport

Parlando della nuova nata il direttore tecnico della scuderia di Woking, Tim Goss, ha illustrato le caratteristiche di un progetto evoluto dopo l'esperienza maturata nel 2017 ed in seguito alle modifiche al regolamento approvate per la passata stagione. "Lo scorso anno avevamo dovuto prendere delle decisioni sull'architettura basandoci su ciò che sapevamo in quel momento" - ha dichiarato l'ingegnere della McLaren - "Dopo una stagione di apprendistato abbiamo utilizzato questa comprensione per adeguare alcune decisioni sulle linee costruttive. Ciò significa che siamo stati in grado di rivedere tutti gli aspetti che si fondono nel telaio all'inizio dell'anno".

McLaren MCL33: ridisegnata la parte posteriore | FP – Formula 1 – Motorsport
"Stiamo sicuramente proseguendo sulla stessa strada" - ha continuato Goss - Per il lancio la vettura apparirà come un'evoluzione e poi continueremo a migliorare la MCL33 attraverso i test e le gare. In termini di sviluppo, il team di progettazione si è concentrato sul perfezionamento del pacchetto, rendendolo più ordinato, semplice, ed elegante. Per noi è sempre stata un'area di attenzione. Ma quest'anno siamo andati oltre per ottenere una soluzione pulita e ordinata. E ciò conferisce agli aerodinamici maggiori opportunità di giocare con il corpo vettura". La sfida più interessante è stata ovviamente quella relativa all'integrazione della power unit Renault in un progetto nato inizialmente per il propulsore Honda.

McLaren MCL33: ridisegnata la parte posteriore | FP – Formula 1 – Motorsport
Due filosofie costruttiva completamente differenti, come ha ribadito nuovamente lo stesso Goss: "A livello di architettura i motori sono molto diversi. In Formula 1 ci sono attualmente due famiglie di propulsori: la Mercedes e la Honda sono vicine tra loro perché hanno diviso il compressore dal turbo, mentre l'approccio di Renault e Ferrari prevede i due componenti uniti sul retro dell'unità e la MGU-H posizionata nella V. Ognuno di questi approcci ha i suoi pro e contro, ma in realtà sono un grande fan di quello Renault. All'atto pratico, il cambiamento ha avuto un grande impatto sull'installazione del motore. Il vantaggio del layout Renault è che possiamo spingere la power unit in avanti, ma bisogna comunque considerare la presenza del compressore nella parte posteriore del propulsore, quindi bisogna fare avanzare i tubi di scarico senza intaccare il packaging".

McLaren MCL33: ridisegnata la parte posteriore | FP – Formula 1 – Motorsport
"Abbiamo dovuto ridisegnare la parte posteriore del telaio, l'area dell'alloggiamento della campana del cambio, la sospensione dietro e il layout del raffreddamento. Sono state due settimane di intenso sforzo per riuscire a venirne a capo. Ma era qualcosa per cui eravamo in qualche modo preparati, perché sapevamo che sarebbe potuto succedere, ed è incredibile quello che le persone possono fare in così poco tempo. Perciò ora disponiamo di un'installazione veramente ordinata. I progettisti del cambio e della sospensione posteriore hanno fatto un lavoro incredibile per ridefinire tutto".

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :