Magazine Attualità

Memoria e impegno. Legalità On/Off – La Lente in pillole

Creato il 19 luglio 2018 da Annagiuffrida @lentecronista

Abbiamo bisogno di ricordare.
Lo dimostrano le tante, troppe forse, parole citazioni flash della memoria che ogni anno, ogni 19 luglio o 23 maggio, si pronunciano. Una processione di commemorazioni che dura al massimo fino alla mezzanotte, trasformando poco dopo questi profondi ideali nella consueta opaca routine fatta di indifferenza e della difesa ad ogni costo del proprio orticello. Una ritualità che indubbiamente allena la memoria, a volte nello sforzo di tenere in vita chi ha dedicato la sua vita a rari valori umani. Come il senso di responsabilità, umana e professionale; l’integrità morale e di vita, tale da rendere questi uomini scomodi alla mafia e alla parte corrotta dello Stato; la capacità di rimanere umani anche di fronte alla paura e alle brutture. Un esempio di cui abbiamo sicuramente bisogno, ma che diventa una boccata d’aria pulita che ci concediamo solo periodicamente, un pugno di emozioni per metterci a posto con la coscienza.

A 26 anni dalle stragi del ’92, pensiamo ancora che basti questo a tenere davvero viva la memoria dei giudici Giovanni Falcone Paolo Borsellino e Francesca Morvillo? E degli agenti Antonio Montinaro Vito Scifani Rocco Dicillo, e in seguito Agostino Catalano Walter Eddie Cosina Emanuela Loi Claudio Traina Vincenzo Fabio Li Muli?
Nomi e volti a cui dobbiamo la prima importante presa di coscienza sull’esistenza della mafia, il primo consistente colpo di spugna sull’acquisita cultura dell’omertà, e un impegno creativo e operativo contro la criminalità organizzata.

Abbiamo, sì, bisogno di ricordare. Abbiamo imparato a farlo e a capirne l’importanza. E quando la retorica lascerà spazio alla pratica quotidiana, quando gli esempi e gli eroi da immaginette diventeranno le nostre scelte e azioni quotidiane, non avremo più bisogno di aspettare un triste anniversario per sentirci liberi e non indifferenti alle mafie.

(Foto: “La responsabilità della memoria” da Facebook)


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog