Magazine Fumetti

"Mercedes" di Daniel Cuello

Creato il 09 gennaio 2020 da Audaci
La protagonista di cui avevamo bisogno

Prendete tutto quello che nella tradizione letteraria caratterizza il protagonista di un racconto - quelle qualità, virtù e trame che lo rendono tale, creando un legame empatico con il lettore - e dimenticatelo. Perché vi assicuro che Mercedes, protagonista dell’omonima nuova graphic novel di Daniel Cuello (BAO Publishing), non può essere ascritta ad alcun tòpos a cui la letteratura ci ha educato. D’altronde, com'è possibile empatizzare con una criminale responsabile dei reati più efferati ai danni dell’umanità e del pianeta, una donna cinica, spietata, ossessionata da potere, denaro, fama, per di più incorniciata da una appariscente - quanto discutibile -  capigliatura rubina?

Accusata di aver causato il tracollo dell’economia, dell’ambiente e della società dell’intero pianeta – in uno scenario distopico che, a ben pensarci, tanto lontano dalla nostra realtà non è - Mercedes tenta una fuga disperata per salvarsi dalle autorità di mezzo mondo che le sono alle calcagna e iniziare così una nuova vita. Circondata dal suo entourage intraprende un viaggio forsennato, pieno di imprevisti e rivelazioni che, pagina dopo pagina, la costringono a fare i conti con se stessa e il proprio passato. Ogni persona e ogni valigia di cui deve disfarsi pur di raggiungere l’obiettivo prefissato la mettono sempre più a nudo, ne svelano una vita e una personalità tormentate dai sensi di colpa per le “cose non dette”, a lasciar intendere che dietro la sua figura fiammeggiante si nasconde molto di più di ciò che ci è dato sapere.
Non lasciatevi ingannare a questo punto: non vi è alcuna redenzione al termine del viaggio compiuto dalla “donna più potente del mondo”, nessun rimorso, nessun pentimento: niente che rientri nei tòpoi dei viaggi a cui siamo abituati. La ricerca della libertà da se stessa e dall’orribile realtà che ha contribuito a costruire - e che ora le si è ritorta contro -  la rende sicuramente più umana ma non per questo meno egoista, meschina e deprecabile: Mercedes resta fedele a se stessa fino in fondo, fino all’ultimo angosciato atto del suo piano. Daniel Cuello ci presenta un personaggio al di fuori di - e ben oltre - ogni schema, singolare, scomodo, tagliente e, proprio perché come nessun altro, capace di conquistare il lettore: Mercedes vi infastidirà, vi esaspererà, vi metterà alle strette fino alla fine ma, a lettura conclusa, non vorrete lasciarla andar via.

Attorno alla protagonista si dispiega una varietà umana, a partire dai suoi fedeli “collaboratori”, a cui va il merito di sostenere, ritmare e arricchire la narrazione in particolare nei suoi passaggi più significativi. L’inevitabile conflittualità che si instaura tra il lettore e Mercedes viene attenuata - e in un certo senso resa più intelligibile - da tutti quelli che la circondano e che, ciascuno a modo proprio, conferiscono al racconto registri ora ironici e esilaranti, ora drammatici e quasi esistenzialisti. Una sceneggiatura davvero ben congegnata in cui non solo niente è lasciato al caso ma in cui si aprono numerosi altri potenziali livelli di narrazione: ogni personaggio ha una sua caratterizzazione precisa che rivela un passato sfuggente e un destino ancor più enigmatico, di cui il lettore può soltanto provare a mettere insieme i pezzi. Cosa chiedere di meglio?

L’ottima orchestrazione della sceneggiatura si specchia in una gestione della pagina rigorosa e densa – menzione speciale al font basato sulla calligrafia dell’autore – in cui l’impeto della trama e della sua protagonista sono “traditi” da un tratto vibrante e da tonalità nette che si esprimono al meglio nella mimica dei volti e nella gestualità dei corpi. Alcune delle pagine più belle - e significative - sono quelle di apertura dell’intero volume e quelle di transizione, essenziali e a tratti poetiche: ripercorretele alla fine della lettura e vi accorgerete di come senza di esse tutto il racconto non sarebbe stato lo stesso. Proprio nel “non detto” spicca la capacità di Daniel Cuello di rappresentare e far riflettere, cambiando registro anche repentinamente ma sempre con coerenza, offrendo molteplici livelli di lettura sulla natura umana e su tematiche attualissime - attraverso ad esempio l’espediente del distopico, che richiama i lavori precedenti dell’autore (degni di nota i camei di alcuni personaggi che chi già ha letto Cuello riconoscerà…se prestate attenzione ad un certo punto incontrerete anche un beluga!).
Dopo Residenza Arcadia e Guardati dal Beluga Magico, Daniel Cuello ci regala una graphic novel insolita, potente e per questo memorabile. Mercedes è la protagonista che non ci aspettavamo ma di cui avevamo bisogno e di cui - fidatevi - vorremmo leggere ancora.
Angela Convertini

Mercedes
Bao Publishing, 2019
Testi e disegni: Daniel Cuello

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines