Magazine Cinema

Mercurio Loi - L'uomo orizzontale

Creato il 03 maggio 2018 da Flavio
Mercurio Loi - L'uomo orizzontaleMercurio Loi N° 10 
L'uomo orizzontale
Soggetto e Sceneggiatura: Alessandro Bilotta 
Disegni: Francesco Cattani 
Colori: Andrea Meloni 
Copertina: Manuele Fior 
Periodicità: bimestrale 
uscita: 22/03/2018 
Prezzo 4,90 
Mercurio Loi è sdraiato sul suo divano. Per l'esasperazione di Ottone sono giorni che non si muove da lì. La sua curiosità sembra riposta solo nello scoprire ciò che può essere fatto da quella nuova posizione. Non sembra avere interesse nello scendere neanche quando viene a sapere del movimento degli Inerti: persone che decidono di non agire, all'improvviso, causando disagi alla comunità romana. Sembrano essere in tanti e pericolosi per ciò che causano, perciò il Papa decide di metterli a morte immediata non appena scoperti,
Si era capito che variare, in peggio, la frequenza delle uscite di mensile di casa Bonelli avrebbe causato rimpianti nei lettori. Come mi è parso d'aver scritto qualche numero fa, la vera forza di questo personaggio è la curiosità del suo autore. Nel gettare le basi dei soggetti delle sue storie riesce sempre a partire da un punto di vista nuovo, sostenendolo nella sua prefazione. Già con quelle righe di scritto, senza disegni, riesce a mettere in moto la curiosità del lettore. Curiosità che trova sfogo nelle novantasei pagine seguenti.
Come gli altri albi di Mercurio Loi che lo hanno preceduto, il numero dieci sorprende fino all'ultima pagina, giocando a carte coperte fino al finale rivelatore.
Più debole, a mio gusto, rispetto ad altri sotto il profilo grafico, questo Uomo orizzontale mi appare troppo, ironia della sorte, statico nella sua messa in opera. A risentire maggiormente di questa caratteristica son i capelli di Duilio che paiono un covone di fieno sulla testa del ragazzo.
La colorazione di Andrea Meloni mi è parsa eccessivamente satura. Avevo paura che le pagine iniziassero ad irrorare di colore gli ambienti in cui mi sono cimentato nella lettura.
Speriamo che il progetto di Bilotta venga sostenuto dalla casa editrice milanese lasciandogli a disposizioni i talenti con i quali ha collaborato fino ad adesso.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog