Magazine Sport

Milan, Ignazio Abate verso la MLS: per lui ci sono i LA Galaxy

Creato il 01 maggio 2018 da Agentianonimi
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Dopo ben 9 stagioni, Ignazio Abate potrebbe lasciare definitivamente il Milan e partire per gli Stati Uniti, per cercare fortuna in MLS.

Il terzino rossonero, in scadenza nel 2019, lascerebbe il club dopo circa 250 presenze e 2 reti condite, ad oggi, da uno Scudetto e 2 Supercoppe italiane. La franchigia maggiormente interessata al giocatore campano sarebbero i Los Angeles Galaxy, franchigia in cui, da poche settimane, gioca anche il suo ex-compagno di squadra e grandissimo amico, Zlatan Ibrahimovic.

Tuttavia, anche se probabilmente il giocatore accetterà qualsiasi cifra, potrebbero insorgere problemi nel tesseramento del giocatore per via dei regolamenti oltreoceano sui trasferimenti. Infatti, molto dipenderà dal fatto che il giocatore accetti di sottostare al salary cap imposto dalla lega. Come è noto, in MLS, come in tutte le altre leghe sportive americane, gli atleti firmano un contratto con la lega, e non con la franchigia, decidendo di sottostare un tetto salariale che si aggira intorno ai 4 milioni di dollari. Per consentire, tuttavia, ai club statunitensi di acquistare calciatori di prestigio, è stato deciso di concedere ad ogni squadra il tesseramento di un massimo di 3 Designated Players, il cui ingaggio può sforare il salary cap e pesare “solamente” 457.000 dollari sul bilancio del club. Nel caso dei Galaxy, queste tre postazioni sono già occupate, e non dal campione svedese: infatti, tali posti sono stati riservati a Romain Alessandrini, Giovani dos Santos e suo fratello Jonathan. Lo stesso Ibrahimovic, si è dovuto accontentare di uno stipendio da 1,5 milioni di dollari, arricchito, però, dagli sponsor.

Andrea Fabris (@andreafabris96)

PER TUTTE LE NEWS E GLI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU AGENTI ANONIMI

Facebook
twitter
google_plus
linkedin
mail

L'articolo Milan, Ignazio Abate verso la MLS: per lui ci sono i LA Galaxy proviene da Agenti Anonimi.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog