Magazine Sport

Milan, tanti milioni per nulla. La vera carta vincente è Patrick Cutrone

Creato il 28 dicembre 2017 da Agentianonimi
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Che Patrick Cutrone sia un grande talento in molti l’avevano capito ma nessuno si sarebbe mai immaginato che avrebbe fatto la differenza in questo Milan. Una campagna acquisti faraonica quella compiuta dai rossoneri, i quali hanno sborsato la bellezza di quasi 200 milioni di euro per rifondare e rilanciare una squadra in difficoltà da diverso tempo. Diversi profili importanti arrivati alla corte del Diavolo come ad esempio Bonucci, Rodriguez, Calhanoglu, Andrè Silva e Kalinic, i due bomber che avrebbero dovuto riportare i gol in una piazza povera di veri bomber. L’addio di Carlos Bacca ha spianato la strada ai due centravanti, specialmente al giovane portoghese, reduce da una stagione impegnativa tra le fila del Porto. L’impatto con il calcio italiano non è stato tuttavia dei migliori e probabilmente il promettente Andrè Silva ha pagato molto il passaggio dalla Primeira Liga alla Serie A. Poco spazio, poche occasioni e nessun gol in campionato a dimostrazione del fatto che c’è una nuova vittima della ”maledizione del numero nove”, una diceria che corre per le tribune di San Siro e i campi di Milanello dai tempi dell’addio di Pippo Inzaghi. In Europa League però Silva fa la differenza, detendo il titolo di capocannoniere insieme a Rigoni dello Zenit con sei marcature realizzate. Troppo strano ma vero…

Sicuramente ci si aspettava qualcosa di più da Kalinic, perchè se il giocatore sopracitato è ”giustificabile” l’ex Fiorentina non lo è proprio. Un attaccante maturo e pronto a fare la differenza, specialmente in un campionato che conosce da diversi anni, per l’esattezza quasi tre. 30 milioni di euro sembrano davvero assurdi per un centravanti statico ed in calo di prestazioni, un giocatore che ha raccolto soltanto 4 gol in 20 gare, giocate quasi tutte da titolare. Numeri che parlano, numeri che pesano come un macigno per i rossoneri.

L’unica nota positiva di questo mercato arriva però dal vivaio, con un Cutrone sempre più decisivo per il suo amato Milan. Un lampo nella notte opaca e piovosa di San Siro ha forse fatto capire a tutti che il numero 63 ha bisogno di più spazio e soprattutto di continuità, quella che gli giova per diventare un vero fuoriclasse. Il gol siglato ieri nel derby di Coppa Italia contro l’Inter ha innescato probabilmente una scintilla, qualcosa che sicuramente cambierà le gerarchie offensive dei rossoneri. I gol di Cutrone sono 9, più del doppo di quelli di Kalinic, e quasi tutti sono arrivati da subentrato. Dunque sorge naturale una domanda: perchè non dare fiducia e continuità ad un giovane astro nascente del calcio italiano? Sembra quasi pazzia vederlo ogni volta in panchina…

Il cammino tuttavia è ancora lungo ma adesso il Milan ha una certezza, il Milan ha il suo tanto desiderato attaccante: Patrick Cutrone.

Facebook
twitter
google_plus
linkedin
mail

L'articolo Milan, tanti milioni per nulla. La vera carta vincente è Patrick Cutrone proviene da Agenti Anonimi.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :