Magazine Informazione regionale

Milano, no al trasferimento Università Statale: scontri tra studenti e polizia

Creato il 06 marzo 2018 da Vivicentro @vivicentro

MILANO- Tensione all’ Università Statale tra studenti e forze dell’ordine nel giorno della decisione del senato accademico di trasferire le facoltà scientifiche da Città Studi all’ex area Expo. A supportare gli studenti e i cittadini, anche i rappresentanti di forze politiche: Basilio Rizzo, Patrizia Bedori del M5S, Massimo Gatti di Sinistra per la Lombardia e Onorio Rosati di Liberi e Uguali.

LA PROTESTA

I manifestanti si sono raccolti in un corteo non autorizzato partito alle 14.10 nell’atrio dell’aula magna di via Festa del Perdono verso via S.Antonio, dove si sarebbe tenuta la riunione dei senatori per votare il trasferimento. Ma il corteo è stato bloccato dagli agenti antisommossa creando scontri con i manifestanti. Due studenti hanno riportato contusioni.

NO AL TRASFERIMENTO

È da tempo che si parla di un possibile trasferimento delle facoltà scientifiche della Statale dalla zona di Città Studi all’area Expo. Secondo i promotori, il trasferimento garantirebbe agli studenti spazi più moderni e appropriati. Ma il progetto è sempre stato molto contestato e non hai mai incontrato l’approvazione degli studenti, convinti che una scelta di questo tipo rischierebbe di svilire l’università e il diritto allo studio, compromettendo la stabilità delle finanze pubbliche dell’Università degli Studi di Milano.

Alla manifestazione, oltre a diversi docenti, si sono uniti anche gli ex candidati alla Regione Lombardia Massimo Gatti di Sinistra per la Lombardia e Onorio Rosati di Liberi e Uguali.

TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Si diffida da qualsiasi riproduzione o utilizzo, parziale o totale, del presente contenuto.
E’ possibile richiedere autorizzazione scritta alla Redazione di VIVICENTRO..
L’autorizzazione prevede comunque la citazione della fonte con l’inserimento del link del presente articolo Milano, no al trasferimento Università Statale: scontri tra studenti e polizia


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog