Magazine Cinema

Mindhunter

Creato il 30 ottobre 2017 da In Central Perk @InCentralPerk
Mondo Serial
La serie pensata appositamente per gli amanti del crime.
La serie che mostra interviste a serial killer ancor prima che il termine "serial killer" fosse coniato.
La serie che mostra la nascita del profiling all'interno dell'FBI, dell'interesse verso la psicologia criminale, che andasse a indagare davvero la mentalità di chi compie crimini inumani, classificandoli.
Una serie in cui c'è spazio per il classico rapporto "Buddy movie" con due agenti dell'FBI agli antipodi, ma pure per storie d'amore tutt'altro che facili.
Insomma, la serie che un'appassionata di crime a tutto tondo come me dovrebbe amare.
E invece, la nuova serie Netflix, firmata da uno come David Fincher e che ancor prima di essere messa in listino era stata rinnovata per una seconda stagione, non mi ha conquistata.
Mindhunter
Il problema è proprio il suo rivolgersi a un pubblico che certe dinamiche, certe situazioni, le ha incontrate più e più volte, che il profiling lo conosce meglio di chi lo sta inventando, già classifica in certo modo i killer intervistati, già intuisce certe dinamiche di coppia e certi sviluppi, e così poco si appassiona.
Colpa anche di due protagonisti che non brillano certo in simpatia, colpa di un Jonathan Groff saccentello e in parte, ma che si porta appresso quell'aurea timida e curiosa e egocentrica che già aveva nella piuttosto irritante Looking, e del suo contraltare Bill Tench piuttosto cavernicolo e sulle sue, fin troppo, tanto da finire oscurato nell'ultima parte di stagione.
Poteva fare da ago della bilancia Anna Torv, tornata a vestire panni seriosi dopo Fringe, ma che in un personaggio pieno di fascino e di tensione, resta infine defilata.
Mindhunter
E allora, in una storia in cui né le interviste a quei criminali che aiuteranno a capire gli altri criminali dice qualcosa di nuovo, né le sporadiche indagini che nascono e si risolvono nell'arco di qualche episodio convince, dovrebbe allora essere la vita privata dei protagonisti a dare un lato più umano alla serie, e invece anche qui qualcosa scricchiola. O forse a scricchiolare non è la splendida Hannah Gross, ma quel finale giudicato a sorpresa, giudicato un colpo di scena, ma che in realtà -da appassionata di crime- mi aspettavo e avevo intuito, complice proprio quella storia d'amore fatta più di passione e di egocentrismo che di altro.
Insomma, la serie sorpresa, la serie che ha dentro di sé sì la solita cura tecnica impeccabile, sì la ricostruzione di anni e di un'epoca in cui nulla è fuori posto, nemmeno la splendida colonna sonora o gli abiti vintage, la serie pensata per chi di crime vive, sembra né più né meno un breve prequel di Criminal Minds, meglio gestita, certo, più curata, ma senza il sale che ci si aspettava, con una dilatazione dei tempi che a volte poco coinvolge e finisce per annoiare.
Mindhunter tornerà, e visto quel finale comunque intuibile ma di cui mancano fondamentali passaggi, mi vedrà tra i suoi spettatori, nella speranza che qualcosa di nuovo, di effettivamente sorprendente, sia detto.
Mindhunter
Guarda il Trailer

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :