Magazine Psicologia

Morire di crepacuore

Da Pasqualefoglia @pfoglia2

Stress emotivi o fisici possono portare alla sindrome da crepacuore, conosciuta come cardiomiopatia di Takotsubo. Le cause di questa sindrome non sono ancora chiare. È stato ipotizzato il ruolo del calo di estrogeni e un conseguente danno endoteliale; è stata studiata l'importanza della disfunzione del microcircolo mediata dalle catecolamine del sistema simpatico ed è stata evidenziata la presenza, nell'anamnesi di molti dei soggetti colpiti, di un prolungato stress emotivo. Si ipotizza pertanto che l'iperattività del simpatico contribuisca a una disfunzione microvascolare che predispone a una minore riserva perfusoria in caso di stress. (Tratto da Wikipedia)

Morire di crepacuore

Peccato che i cardiologi cerchino sempre il sintomo o la causa fisica delle malattie del cuore.

Quando soffriamo, in realtà è il nostro cuore che soffre.

Il cuore è il motore delle emozioni. "Le emozioni sono la risposta del cuore ai nostri pensieri".

Morire di crepacuoreMorire di crepacuoreInfatti è proprio il cuore che, dirottando il sangue in un distretto e sottraendolo ad altri, trasforma i nostri pensieri in emozioni.

Eppure, il cuore possiamo guarirlo in un istante cambiando i pensieri che ci fanno soffrire.

Il cuore obbedisce fedelmente alla mente e ai suoi pensieri. Non è in grado di cambiare i pensieri. L'emozione negativa è il messaggio che il cuore manda alla mente per farle capire che i pensieri negativi non vanno bene e occorre cambiarli immediatamente.

Appunto, attraverso l'emozione negativa (ansia, paura, rabbia, vergogna, ecc.), il cuore ci indica che dobbiamo cambiare pensieri.

Insomma tutto dipende dalla mente! Una mente inconsapevole ci manda in galera o all'ospedale; invece una mente consapevole ci salva la vita e la rende splendida!

Leggi anche questi Articoli:


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog