Magazine Cultura

Mucchio d’ossa – Un romanzo di Stephen King

Da Marcofre

Mucchio d’ossa – Un romanzo di Stephen King

di Marco Freccero. Pubblicato su YouTube il 9 dicembre 2019. Ripubblicato su questo blog il medesimo giorno.

Oggi si parla di un romanzo di Stephen King: Mucchio d’ossa.

Buona visione!

Iscriviti al mio canale YouTube!

Uno scrittore in crisi, che non riesce più a scrivere nulla, perché è rimasto vedovo.
Una casa sul lago dove forse ricominciare.
Forse.

Oggi si parla di “Mucchio d’ossa” di Stephen King. La traduzione è di Tullio Dobner mentre l’editore è Sperling & Kupfer.

Tutto è narrato in prima persona de questo scrittore ormai in crisi: Mike Noonan, che per anni ha venduto bene i suoi libri, e che dopo la morte improvvisa della moglie si trova alle prese con il blocco dello scrittore.

Non è uno scrittore da alta classifica; ma di un discreto successo, con il suo agente letterario che cerca sempre di spingerlo a trovare la storia capace di lanciarlo nell’Olimpo degli scrittori straordinari.

Il punto è che lui non riesce più a scrivere una riga. E per un po’ nasconde abilmente la sua difficoltà recuperando dalla cassetta di sicurezza della sua banca alcuni romanzi che aveva scritto in precedenza. Tutti hanno un ottimo successo, ma il blocco dello scrittore resta; per questo decide alla fine di trasferirsi nella casa sul lago di Sara Laughs. Anche perché inizia ad avere degli strani sogni, che hanno come scenario quella residenza.

Scenario; oppure protagonista?

Mike parte per il lago.

L’inizio di questa storia a mio parere è un po’ lento. Poi, come i motori diesel, King ingrana e il romanzo si assesta sui soliti livelli di King.
Il vero “regista” del libro è però Max Devore, nato in una sperduta cittadina del Maine e poi diventato uno degli uomini più ricchi d’America. Sembra quindi incarnare alla perfezione il “sogno americano” che si realizza, se sei abbastanza determinato.

E Max lo è parecchio, da sempre, sin da bambino; da quando infranse la vetrina di un negozio, ferendosi, per rubare uno slittino. Ma i suoi “peccati” non sono solo questi.
Cerca di strappare la bambina alla cognata, colpevole ai suoi occhi di aver sedotto suo figlio, morto in seguito tragicamente.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog