Magazine Cucina

Muffins alle fave

Da Zibaldoneculinario
Muffins alle fave
Nel mio orto ho estirpato le fave che ormai stavano per ingiallire, così mi sono ritrovata con un quantitativo di prodotto esagerato e dopo aver condito le più piccole, fatto una pasta e una torta salata (che pubblicherò a giorni) non sapevo più come prepararle, quando mi sono ricordata di questa ricetta della mitica Ale (non posso nemmeno taggarla visto che ha chiuso il suo blog!).
Mi incuriosiva questo muffin salato,  gli abbinamenti sono "classici" ma l'idea di infilarli in questo "morbido pasticcino inglese" ha un che di geniale! Così ho seguito pari pari la sua ricetta (qui), lei li chiama Favvins,  e devo ammettere che come sempre era tutto perfetto (a me ne è venuto 1 in più, forse li ho fatti leggermente più piccoli).
Grazie Alessandra!
Muffins alle fave
Ingredienti per 12 muffins
Muffins alle fave
100 g di fave fresche spellate
100 g di pecorino
3 uova
mezza bustina di lievito istantaneo
180 g di farina
100 ml di olio evo
100 ml di latte
sale
maggiorana fresca
Le fave dopo aver tolto il baccello, vengono sbollentate per un paio di minuti, passati sotto l'acqua fredda e spellate (la pellicina così si toglie più facilmente).
Tagliare a piccoli cubetti il pecorino.
Sgusciare le uova in una terrina, aggiungere poi l'olio ed emulsionate.
In un'altra terrina setacciare la farina con il lievito (lievito istantaneo per torte salate), in un'altra terrina.
Unire la farina alle uova, in tre tempi, alternandola con il latte.
Aggiungere poi le fave, il pecorino, la maggiorana.
Mescolare bene, aggiustate di sale (attenzione fare attenzione che pecorino può essere sufficiente).
Mettere i pirottini di carta in una teglia da muffins, riempirli per tre quarti.
Cuocere in forno  già caldo, a 180 °C per 15 minuti.
Lasciar raffreddare, prima di sformare.
Consigliatissimo farcirli con salame (lasciare raffreddare completamente prima di tagliarli ... non fate come me!)
Si conservano per un giorno in un sacchetto per alimenti, ben chiuso e in frigorifero o nel congelatore.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog