Magazine Cultura

MUSICA | Giorni di rose. Paola Turci all’Auditorium Parco della Musica di Roma

Creato il 25 aprile 2010 da Roberto Arleo @robertoarleo

MUSICA | Giorni di rose. Paola Turci all’Auditorium Parco della Musica di Roma

Paola Turci ha presentato, martedì 13 aprile, in anteprima assoluta il nuovo progetto “Giorni di rose", l’album di inediti in uscita il 27 aprile. Si tratta della seconda tappa di un lavoro in tre atti, una sorta di indagine sull’universo femminile, raccontato e immaginato da donne: alcune autrici italiane hanno scritto per Paola, descrivendo la donna in maniera intensa, diretta e poetica. Paola vestirà qui i panni dell’interprete, cantando sette canzoni inedite scritte da Carmen Consoli, Nada, Ginevra Di Marco, Marina Rei, Grazia Verasani, Naif Herin, Chiara Civello cui si aggiunge una cover: un prezioso duetto con Fiorella Mannoia.
MUSICA | Giorni di rose. Paola Turci all’Auditorium Parco della Musica di RomaIl progetto. Il primo atto di questo progetto tripartito era "Attraversami il cuore" con il quale Paola si è aperta a un tema sinora marginale nella scrittura dei suoi testi: l’amore. La Turci, nelle vesti di cantautrice, ha sempre prediletto temi più aperti al sociale, non credendo nelle canzoni d’amore, pur apprezzandone alcune, come lei stessa racconta. L’avvicinarsi a un tema così diffuso e così complesso è stato un lento cammino iniziato quando ha conosciuto canzoni come “Paloma negra” di Chavela Vargas e “Dio come ti amo” di Modugno. Importante è stato poi l’incontro con Marcello Murru, con cui Paola ha scritto “Attraversami il cuore”. Murru aveva appena pubblicato il suo disco e Paola lo ha cercato per ringraziarlo della commozione ricevuta, per la rara intensità del disco; Marcello ha quindi letto a Paola i suoi quaderni: raccolte private di poesie e pensieri e dopo giorni di ascolto Paola gli ha chiesto di poter trarre da queste letture dei testi per le sue canzoni. Particolarmente colpita dalla esortazione: “Attraversami il cuore”, ha deciso di aprirsi a temi sentimentali, ha “liberato” il suo desiderio di scrivere d’amore.
MUSICA | Giorni di rose. Paola Turci all’Auditorium Parco della Musica di Roma
Tutto il disco è stato scritto di getto nel 2009 dopo la pubblicazione di “Con te accanto”, il suo primo romanzo; l’idea di tematizzare il lavoro articolandolo in tre dischi ha dato l’occasione di approfondire gli argomenti con maggiore serenità e apertura e potersi confrontare infine con ciò che più dà senso alla vita: l’amore, appunto. L’intero lavoro si sviluppa comunque in tre fasi diverse, l’ultima delle quali è dedicata al “mondo che vorrei”, raccontato con libertà di espressione e di pensiero, un libero sfogo che lascia spazio all’indignazione, ma anche all’amore verso il mondo e la vita.
MUSICA | Giorni di rose. Paola Turci all’Auditorium Parco della Musica di Roma
Il concerto. La scenografia, composta da cinque sfere sospese illuminate da luci colorate, hanno donato all’esibizione un tocco raffinato e discreto che non ha mai distolto l’attenzione degli spettatori. Paola ha spiegato che l’uscita di tre album in un anno è un impegno non da poco. Entro fine anno l’ultimo album chiuderà il progetto. L’artista ha interpretato vari brani tra cui "Lunaspina", scritta da Ivano Fossati per Fiorella Mannoia. Il concerto è stato ricco di ospiti inaspettati. Da prima con Naif Herin, con cui Paola Turci ha interpretato "Tous les jours". Poi è stato il turno della batterista Marina Rei con "Il cielo sopra di noi" e quando il concerto sembrava essere finito entra sul palco un uomo in t-shirt e giacca dai capelli ricci e compatti, uno tra più bravi bassisti italiani, Max Gazzè
MUSICA | Giorni di rose. Paola Turci all’Auditorium Parco della Musica di Roma
La serata si è quindi conclusa con un ultimo brano in cui si è ricomposto il vecchio trio Turci-Rei-Gazzé. Paola Turci, con la propria voce e la sua chitarra, ha saputo emozionare il pubblico della sala Petrassi confermando la sua bravura come interprete e musicista.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :