Magazine Informazione regionale

Musica, la stagione del Teatro Alessandrino riparte dalla PFM

Creato il 28 novembre 2011 da Lapulceonline

DoPFMpo l’esordio a Valenza, sabato 3 dicembre riparirà la stagione del Teatro Regionale Alessandrino con il concerto “PFM canta De André e 35 e…un minuto”. La Premiata Forneria Marconi, storico gruppo che negli anni ’70 sdoganò definitivamente la musica “prog” nel nostro paese, torna a rendere omaggio a Fabrizio De Andrè con un repertorio in gran parte dedicato al grande cantautore genovese. L’idea è quella, naturalmente, di riportare sui palchi d’Italia una sorta di remake della tournèe-evento del 1979 in cu la PFM accompagnò Faber ri-arrangiando in chiave progressive-rock alcuni dei suoi brani più significativi. Da quel tour nacque anche un doppio disco live diventato una vera  e propria pietra miliare della canzone d’autore italiana, con versioni mem0orabili de “La canzone di Marinella”, “Via del Campo”, “Bocca di Rosa”, “Il testamento di Tito” e diversi brani del capolavoro basato sui vangeli apocrifi “La Buona Novella”.
Il concerto, che si terrà al Cinema Teatro Alessandrino (entrata via Savona) a partire dalle ore 20.45, sarà suddiviso in due parti: la prima raccoglie l’omaggio a De Andrè, la seconda – chiamata “35 e… un minuto”- è dedicata al repertorio originale della PFM.

La PFM decide dunque di dedicare, a differenza dei recenti tour passati, molto più spazio alle proprie composizioni. Di fatto, in passato, secondo alcuni la band avrebbe “abusato” del repertorio di De Andrè, approfittando della notorietà della tournèe del ’79 e del sempre crescente amore da parte del pubblico nei confronti di Faber. Che alla PFM siano fischiate le orecchie?

La stagione del Teatro Regionale Alessandrino è sponsorizzata da Alegas (Gruppo Amag).

Info: TEATRO REGIONALE ALESSANDRINO, Via Savona, 1 – 15100 Alessandria Tel. 0131/52266 – Fax 0131/325589 Teatro Sociale di Valenza Corso Garibaldi 58, 15048 Valenza (AL) Tel.: 0131.942276 www.teatroregionalealessandrino.it


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :