Magazine Informazione regionale

Napoli, denunciato il padrone di un pitbull per maltrattamenti: il cane è stato ritrovato in pessime condizioni

Creato il 01 maggio 2018 da Vivicentro @vivicentro
Un cane di razza Pitbull è stato ritrovato legato in un recinto a Napoli: sul corpo rinvenuti segni di maltrattamenti, il proprietario è stato denunciato dai Carabinieri

I Carabinieri del nucleo Radiomobile del Reparto Operativo di Napoli, intervenuti con l’ausilio di personale della sezione Napoli dell’O.I.P.A. (Organizzazione Internazionale Protezione Animali), hanno denunciato un uomo di 36 anni, residente a Cercola, già sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari (per reati in materia di armi e stupefacenti) perché ritenuto responsabile di maltrattamento di animali. Gli agenti hanno rinvenuto all’ interno di un locale recintato in via Miranda risultato poi di proprietà del 36 enne un cane di razza pitbull al quale era stata praticata una “conchectomia bilaterale”, un’assurda pratica che consiste nel tagliare le orecchie per questioni spesso estetiche. I veterinari stanno ancora cercando di stabilire quanto tempo fa è stata effettuata questa operazione, probabilmente quando era ancora un cucciolo. Il pitbull è stato trovato in pessime condizioni igienico sanitarie e legato in modo da impedirgli addirittura l’appoggio delle zampe anteriori. Incalzato dai Carabinieri, l’indagato non sarebbe riuscito a fornire alcuna giustificazione del perchè lo tenesse legato in questo modo. Il cane verrà affidato alle cure dei volontari che proveranno a migliorare il suo rapporto con gli umani.

TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Si diffida da qualsiasi riproduzione o utilizzo, parziale o totale, del presente contenuto.
E’ possibile richiedere autorizzazione scritta alla Redazione di VIVICENTRO..
L’autorizzazione prevede comunque la citazione della fonte con l’inserimento del link del presente articolo Napoli, denunciato il padrone di un pitbull per maltrattamenti: il cane è stato ritrovato in pessime condizioni


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog