Magazine Viaggi

Napoli: il caffè, l'ombrello, le parole...tutto sospeso!!!

Creato il 02 dicembre 2019 da Sara
Napoli: il caffè, l'ombrello, le parole...tutto sospeso!!!Da Il Mattino del 6 novembre 2019Napoli: il caffè, l'ombrello, le parole...tutto sospeso!!!Napoli: il caffè, l'ombrello, le parole...tutto sospeso!!!                                                            "Da noi" - Erri De Luca                                           Da noi non si pronuncia l'ultima vocale,
                                           le parole restano sospese.
                                           L'inverno è viern', il resto è la stagione.
                                           Prima e dopo sono primm' e dopp',
                                           hanno più carne e ossa del presente, che è solamente:
                                           mo'.
                                           L'ammor' nuosto è più tosto di amore,
                                           più svergognata 'a famm' della fame,
                                           i soldi sono 'e sord, il soldato 'o surdat',
                                           più sordo che assoldato.
                                           Da noi il "c'è" non c'è, pero ci sta.
                                           Nessuno ha, però ci sta chi tiene.
                                           Da noi non piove: chiove. La pioggia non infradicia
                                           ma 'nfraceta, marcisce.
                                           Il sangue è 'o sang' e vale meno di un bicchiere
                                           d'acqua.
                                           Da noi se ne devi andartene, fai che sei già partito,
                                           pure prima di adesso, primm' 'e mo'.
                                           Teniamo il verbo più veloce del mondo, andare: i'.
                                           Se te ne devi andare, t' n' ia i'.Napoli: il caffè, l'ombrello, le parole...tutto sospeso!!!                                                                   

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine