Magazine Viaggi

Napoli passato e presente: dal Duomo al Madre

Creato il 20 dicembre 2019 da Sara
Napoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreCome si fa ad andare a Napoli e non visitare "la casa" di San Gennaro, il venerato Santo Patrono della città che nel Duomo conserva le sue reliquie e che, dal 1389 secondo il primo testo documentato, tre volte all'anno compie il miracolo della liquefazione del suo sangue? In odore di santità, a dire il vero, a Partenope c'è qualcun altro che fa di nome Diego Armando Maradona, ma questa è un'altra storia e la racconterò in una prossima occasione. Sorto per volere di Carlo II d'Angiò nel 1272 e consacrato nel 1315, il Duomo è stato in gran parte distrutto da due terremoti fra la metà del '300 e il '500, il monumentale complesso attuale è quindi il risultato di più rifacimenti e svariate modifiche dei secoli successivi. Il positivo di questi due eventi catastrofici è che hanno reso indispensabili i superbi interventi rinascimentali e barocchi di cui stupiamo oggi. L'ultimo cambiamento in ordine di tempo è la facciata neogotica portata a termine nel primissimo '900.
Napoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreMa come spesso succede quando è una storia lunga di secoli e in particolare per i luoghi di culto religiosi che di frequente si sovrappongono, il Duomo non è la prima costruzione del sito dove lo aveva preceduto Santa Restituta, la Basilica paleocristiana del IV° secolo e.v. che, a sua volta, era sorta su resti Romani dell'antico tempio di Apollo, nume tutelare di Partenope; quando si dice la stratificazione della storia. Al tempo di Carlo II d'Angiò, l'edificazione della nuova grande cattedrale ha privato la basilica di Santa Restituta (martire berbera africana) della facciata esterna e  delle prime campate riducendola ad essere la terza magnifica cappella della navata sinistra dell'attuale Duomo. E le è andata ancora bene perché, benché ridotta, la chiesa tuttora esiste mentre non c'è più traccia della Basilica Santa Stefania edificatale accanto un secolo più tardi e andata completamente sacrificata  e distrutta. Nella  Cappella di Santa Maria del Principio (sempre nella Basilica di Santa Restituta)  è bellissimo il mosaico absidale del 1322 che rappresenta la Madonna seduta con in braccio il Cristo e con ai lati San Gennaro e Santa Restituta di Lello da Orvieto, pittore e mosaicista attivo fra Napoli e il Lazio nella prima metà del XIV° secolo.
Napoli passato e presente: dal Duomo al Madre Napoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al Madre
Napoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreIncredibile poi, nell'adiacente museo, scoprire la magnificenza del tesoro di San Gennaro che testimonia dell'incrollabile devozione religiosa dei napoletani e anche della loro spettacolare fantasia creativa; oggetti  di inestimabile fattura e valore salvati da saccheggi e spoliazioni e giunti intatti fino a noi. Leggo che l'arte orafa partenopea ha origini molto antiche conosciuta sin dai coloni greci e proseguita poi in epoca romana. Si va dalla  pisside  gemmata del 1831 donata da Re Ferdinando II di Borbone a quella in oro, corallo e malachite (creata a Torre del Greco insuperabile per il corallo) del 1931 offerta da Umberto II di Savoia, dalla portantina dorata usata per trasportare la statua del santo in processione nei giorni di pioggia  alla straordinaria mitra di fattura settecentesca. Il copricapo episcopale sarebbe tempestato di 3694 gemme, in maggioranza diamanti  e poi smeraldi e rubini, (immagino pesantuccia da portare in testa). Personalmente sono stata colpita dalla collana per il busto-reliquario del Santo, felice mix di alcuni gioielli già presenti nel Tesoro più altri che si sono aggiunti nei secoli successivi.  E' esposta una tabella con l'elenco delle pietre preziose e accanto il nome dei singoli donatori. Con tutte le dinastie reali di mezza Europa che hanno fatto per secoli la travagliata storia di Napoli, logicamente i donatori sono soprattutto re, regine e illustre nobiltà, ma non mancano, ed è la cosa più bella,  semplici devoti. Napoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreAl primo piano del museo è  imperdibile la visita delle due sacrestie e dell'Antisacrestia  della Cappella del Tesoro di San Gennaro, semplicemente FAVOLOSO. Nella Sacrestia dell'Immacolata e nella Sacrestia Nuova è un tripudio di ex-voto, di marmi pregiati e di stucchi ma soprattutto degli affreschi vivi e cangianti di quel secentesco Luca Giordano reso famoso dal suo capolavoro, ovvero la Cappella San Severo. Iniziata lo scorso novembre e fino al 20 gennaio 2020 ho visto che al parigino Petit Palais si tiene per la prima volta in Francia una retrospettiva dedicata all'artista con la mostra "Luca Giordano (1634-1705). Le triomphe de la peinture napolitaine". E' certamente l'attuale bravissimo direttore francese del museo di Capodimonte l'artefice di questo rinnovato interesse d'oltralpe per le nostre bellezze. Napoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreBasta fare circa 400 metri a piedi lungo via Duomo ed ecco, girando un angolo a destra, il Madre, il museo d'Arte Contemporanea. Mi rendo conto che passare da ori, argenti, marmi, stucchi, putti, santi e Madonne all'ingresso con la coloratissima installazione " Axer/ désaxer" di pannelli a specchio dell'artista  concettuale Daniel Buren,  dagli affreschi che ricoprono pareti e soffitti  al rigore di stanze con i muri asetticamente bianchi, dalle opulenze rinascimentali e barocche  alla scabra essenzialità del contemporaneo,  può fare l'effetto di un pugno in pancia, ma mi piacciono i contrasti e soprattutto la totale libertà espressiva di cui  gli artisti cominciano a godere solo nella modernità.  Qualcosa di antico comunque è presente anche al Madre ed è l'ottocentesco Palazzo Donnaregina che ospita le collezioni,  restaurato e adibito a museo su progetto dell'architetto portoghese Siza Vieira.   Napoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreSfilano al primo piano opere ed istallazioni di artisti, alcuni li conosco e li riconosco, altri nomi mi giungono nuovi come del resto le loro opere.  Michelangelo Pistoletto ( "Venere di stracci" 1967),  Léa Lublin ( "Senza titolo" 1977 acrilico su tela), Jannis Kounellis ( "Senza titolo" 2005 tecnica mista), Joseph Beuys ( "Casa Orlandi" 1971 serigrafia su pellicola - "La rivoluzione siamo noi" 1971 copia eliografica ),  Yeesookiung: (Whisper only to you" Christian Leperino ("L'altro me stesso" 2014 gesso), Yeesookyung ("Translated Vase 2018 TVG 3" frammenti di ceramica, epossido, foglia d'oro), Mimmo Paladino ("Senza titolo" 2015).Napoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreSempre difficile orientarsi nell'arte contemporanea,  alcune opere non le capisco e non le so apprezzare, però mi è piaciuto molto il lavoro di Paul Thorel "Passaggio della Vittoria" del 2016 mosaico in grès porcellanato e smaltato, fatto di 1.832.400 tessere. Per la conoscenza dell'artista e la presentazione della sua installazione propongo questo link:  http://www.madrenapoli.it/collezione/paul-thorel/
Napoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al MadreNapoli passato e presente: dal Duomo al Madre

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine