Magazine Calcio

Nasce a Catania la San Berillo calcio junior

Creato il 27 dicembre 2017 da Stefano Pagnozzi @StefPag82
Nasce a Catania la San Berillo calcio junior
Si racconta che per conoscere la storia di Catania si deve dare uno sguardo a uno dei suoi storici quartieri, San Berillo. Nel centro di Catania, San Berillo mostra ai suoi visitatori tanti volti e sfaccettature fatti di palazzi incompiuti o distrutti dai bombardamenti e di altri prima barocchi, ora appartenenti all’architettura fascista o semplici case dall’architettura povera. Sorto dopo il terremoto del 1693, il quartiere, che muoveva da Piazza Stesicoro, era destinato a diventare un quartiere nobile ma le ricostruzioni e le speculazioni edilizie che seguirono, sino a quelle degli anni Cinquanta, trasformarono San Berillo in un quartiere angusto ed emarginato. La storia di San Berillo, raccoglie in qualche modo tutti gli elementi delle storie di saccheggio e depravazione politica che hanno caratterizzato, attraverso le speculazioni edilizie, il sistematico sventramento dei territori urbani italiani dal dopoguerra ad oggi. Se una data plausibile da cui fare partire questa storia è il 1949, quando l'allora amministrazione comunale nominava la commissione di aggiornamento al piano regolatore, dove si sarebbe incubatala la speculazione di San Berillo, è anche vero che una data di chiusura non c'è, per il semplice fatto che questa storia è ancora aperta..Il 1950 fu l'anno in cui il Consiglio comunale di Catania approvò, la demolizione e la ricostruzione di questo pezzo della città posizionata tra la stazione, il centro ed il mare. Il progetto veniva affidato ad una società creata ad hoc, legata alla Società Generale Immobiliare di proprietà del Vaticano: l'Istica, presieduta dal deputato democistiano Claudio Maiorana. Il progetto veniva poi inserito nel piano regolatore del commissario prefittizio. Una cascata di miliardi di lire erogati dallo Stato e dalla Regione per demolire un'area di 240.000 m2 e ricostruire 1.800.000 m3. A ciò si aggiungeva il business legato agli edifici costruiti per le 30.000 persone deportate in un altra parte della città, nel quartiere di San Leone, che diventerà per proprietà transitiva, San Berillo Nuovo. Mai si era visto e mai si potrà vedere una vera e propria deportazione da un territorio ad un altro dentro una città, sradicando vite e tradizioni a cui erano legate le decine e decine di botteghe, che costituivano l'anima del territorio. C'erano i maestri liutai che convivevano con i maestri pupari, c'erano piccoli mobilifici che le famiglie del quartiere si erano tramandate: era un polmone economico e produttivo della città. I lavori iniziarono nel 1957, l'area venne rasa al suolo, e in seguito in parte ricostruita. Solo un uomo, l'ingegnere Giuseppe Mignemi, capo di una commissione di collaudo, denunciò negli anni sessanta il saccheggio che era stato compiuto ai danni della collettività, portando alla luce una delle più grandi speculazioni edilizie della storia europea. Nel frattempo San Berillo, dall'entrata in vigore della legge Merlin, quando le case chiuse si chiusero alla legalità, diventò poco più che un ghetto, con una decina di strade ed una piazzetta. Ma essendo rimasta una opera urbanisticamente incompiuta, essa non poteva che produrre ghettizzazione sociale. E così fu... San Berillo venne da allora consacrato come il quartiere “clandestino” a luci rosse di Catania, dato che la sua anima storica, quella delle botteghe artigiane gli era stata strappata per sempre, ma non solo, deprivato della gran parte degli storici abitanti è diventato casa di diverse comunità africane, specialmente senegalesi e ghanesi che nel tempo hanno affiancato i pochi catanesi rimasti.In questo contesto, dentro queste strade, nasce l’idea del San Berillo Calcio Junior.La totale assenza ogni tipo di servizio, la dimensione ghettizzante del quartiere da un lato, il vivere le strade di bimbi e ragazzini, un DNA antirazzista e immune ad ogni discriminazione dall’altro. San Berillo Calcio Junior non è un’idea di adulti, ma un sogno di ragazzini. Gli stessi che quotidianamente giocano per i vicoli del quartiere e che hanno sempre sognato di essere “Squadra”. L’incontro di questo sogno con la Palestra Popolare Polisportiva Etnea ha dato il via alla realizzazione di questo ambizioso progetto.
Il primo obiettivo della San Berillo Calcio Junior è esistere, avere forma e sostanza: una squadra, dei ruoli, dei completini e la partecipazione ai primi tornei. Al momento non c'è quasi nulla oltre a 23 ragazzi tra gli 8 e i 14 anni, 2 allenatori, 2 palloni, una piazza ed un sogno nel cassetto. Per metà gennaio l'idea è quella di presentare una squadra, ed il 18 febbraio partecipare al primo torneo. Lo spirito è quello che accomuna tutte le realtà di calcio popolare: il desiderio di giocare al di là del risultato. Condivisione, abbattimento di ogni barriera sociale, culturale, razziale ed economica, sono le parole che gli stessi ambienti ufficiali sportivi promuovono, anche se spesso con pochissima reale attitudine, con questa nuova esperienza si prova a renderli reali per la prima volta a Catania. Il 27 dicembre ci sarà una festa, che servirà a presentare il progetto in città ed iniziare a raccogliere tutto il materiale che serve ad una squadra. 
Accogliamo con gioia la nascita di questa nuova realtà, vi invitiamo a sostenere concretamente questo nuovo progetto.Lunga vita allo sport popolare e indipendente.
Da: sportallarovescia.it

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :