Magazine Cinema

Nastri d'argento 2014: sei premi per "Il capitale umano" di Paolo Virzì; Pif miglior regista esordiente per "La mafia uccide solo d'estate"; Song'e Napule migliore commedia

Creato il 29 giugno 2014 da Luca Ottocento

Si è svolta ieri sera a Taormina la cerimonia di premiazione dei Nastri d'argento, i tradizionali riconoscimenti assegnati annualmente dal Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani (SNGCI). Senza la concorrenza de La grande bellezza di Paolo Sorrentino, che aveva partecipato alla precedente edizione dei Nastri ben prima del trionfo agli Oscar, vincendo tra l'altro solo quattro premi "minori" (gli attori non protagonisti Carlo Verdone e Sabrina Ferilli, fotografia e suono in presa diretta), Il capitale umano di Paolo Virzì si è aggiudicato sei premi su otto candidature.  Il film del regista livornese ha ottenuto i riconoscimenti per la regia, la sceneggiatura, l'attore protagonista (ex-aequo per Bentivoglio e Gifuni), la scenografia, il montaggio e il sonoro in presa diretta. Quattro invece i premi per Song'e Napule dei Manetti Bros.migliore commedia, miglior attore non protagonista (anche qui un ex-aequo: Buccirosso e Sassanelli), colonna sonora e canzone originale.
Pierfrancesco Diliberto (in arte Pif) con La mafia uccide solo d'estate si è aggiudicato il premio come miglior regista esordiente e, insieme a Michele Astori e Marco Martani, per il miglior soggetto. Domenico Procacci e Matteo Rovere sono stati nominati migliori produttori dell'anno per Smetto quando voglio di Sydney Sibilia. Qui di seguito l'elenco di tutti i premi principali Regista del miglior film Paolo Virzì per Il capitale umano Migliore regista esordiente
Pierfrancesco Diliberto per La mafia uccide solo d'estate


Migliore commedia
Song’e Napule dei Manetti Bros. Migliore produttore Domenico Procacci e Matteo Rovere (con Rai Cinema) per Smetto quando voglio
Migliore sceneggiatura

Francesco Piccolo, Francesco Bruni e Paolo Virzì per Il capitale umano

Migliore soggetto

Michele Astori, Pierfrancesco Diliberto e Marco Martani per 
La mafia uccide solo d'estate Migliore attore protagonista
Fabrizio Bentivoglio e Fabrizio Gifuni per Il capitale umano
Migliore attrice protagonista
Kasia Smutniak per Allacciate le cinture

Migliore attore non protagonista
Carlo Buccirosso e Paolo Sassanelli per 
Song’e Napule Migliore attrice non protagonista Paola Minaccioni per Allacciate le cinture
Nastro d'argento dell'anno

La sedia delle felicità di Carlo Mazzacurati

Migliore fotografia Daniele Ciprì per Salvo
Miglior scenografia

Mauro Radaelli per Il capitale umano

Migliore costumi
Milena Canonero per Grand Budapest Hotel e Something Good
Miglior montaggio
Cecilia Zanuso per Il capitale umano

Migliore sonoro in presa diretta

Roberto Mozzarelli per Il capitale umano
Miglior colonna sonora
Pivio e Aldo De Scalzi per Song’e Napule
Miglior canzone originale Song’e Napule”, di C. Di Riso e F. D'Ancona, interpretata da Giampaolo Morelli per Song’e Napule
Miglior esordio alla regia "in corto"
Stefano Accorsi per Io non ti conosco
Miglior casting director Pino Pellegrino per Allacciate le cinture

Nastro d'argento speciale a Francesco Rosi alla carriera Nastro d'argento speciale a Piero Tosi alla carriera
Nastro d'argento speciale a Marino Cicogna alla carriera
Nastro d'argento speciale a Ettore Scola, Luciano Ricceri, Luciano Tovoli e Andrea Guerra per Che strano chiamarsi Federico
Nastro d'argento speciale a Alice Rohrwacher per il successo internazionale de Le meraviglie

Nastro d'argento speciale a Dino Trappetti per i 5o anni della Sartoria Tirelli

Premi speciali del decennale a Claudio Amendola e Edoardo Leo



Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog