Magazine Libri

Nellie Bly

Creato il 01 febbraio 2019 da Weirde

Oggi vi segnalo un libro molto di nicchia, di una piccola casa editrice, che non ho ancora letto, ma che mi incuriosisce molto e che forse potrà interessare anche alcuni di voi.

Si tratta di:

image

TItolo: A cosa servono le ragazze

Autore: David Blixt

Editore: la corte

Trama: il romanzo che racconta la vera storia di Nellie Bly, la prima giornalista investigativa al mondo, la donna che ha contribuito a rivoluzionare la condizione sociale femminile. La storia inizia nel 1885, quando Elisabeth Cochrane, una mattina, leggendo il Dispatch, rimane colpita da un articolo che tratta del ruolo delle donne, viste esclusivamente come perfette padrone di casa e madri di famiglia. Elizabeth s'infuria e decide di scrivere a sua volta al giornale. La sua voce è forte, totalmente nuova, polemica: e questo non può che piacere al direttore del giornale che, in maniera del tutto inaspettata, le propone un lavoro come giornalista. Nellie Bly sarà il nome con cui inizierà a firmare i suoi articoli diventando una vera icona del femminismo, che si batte contro l'industria dominata dagli uomini, riportando storie che nessun altro vuole raccontare. Non si accontenta di scrivere, ma con una passione e determinazione dirompenti, si cala nei ruoli più diversi per vivere sulla propria pelle e documentare le situazioni e le condizioni delle donne lavoratrici del suo tempo. Fingendosi pazza, arriverà addirittura a entrare nel manicomio di Blackwell’s Island, rimanendoci per dieci lunghi giorni. Spogliata, drogata, picchiata, dovrà sopportare dieci notti di terrore e rivivere i giorni più bui della sua infanzia, per riuscire poi a fuggire e raccontare al mondo la sua storia.

Elisabeth è una figura storica di spicco, specie per l’emancipazione femminile, ed è triste che qui da noi in Italia sia quasi sconosciuta. Pensate che quando venne sfidata ad emulare l’impresa del romanzo di Verne, il Giro del mondo in 80 giorno, la battè compiendo lo stesso giro in soli 72 giorni.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine