Magazine Arte

New York, i passeggeri di un taxi diventano “arte” a loro insaputa

Creato il 20 marzo 2013 da Ladyblitz @Lady_blitz
New York, i passeggeri di un taxi diventano “arte” a loro insaputa

New York – Arte di vita. Vita che diviene arte, all’insaputa dei protagonisti: è ’9y40′, sfrontata opera di pop art realizzata dal filmmaker, artista e tassista Daniel J. Wilson, che ha immortalato nel suo taxi una fetta di vita reale della Big Apple registrando segretamente le conversazioni dei passeggeri e ricavandone frammenti di ordinaria vita cittadina.

Originario del Canada, l’artista 35enne ha saputo sfruttare uno spazio in cui le persone hanno la falsa impressione che il conducente non esista o non ascolti, rivelando così la vera immagine di se stesse, i propri problemi, le proprie incertezze, convinzioni e gelosie. A differenza di un parrucchiere e di un barista, che viene reso partecipe di spaccati di vita reale dei suoi clienti, ma deve fingere di essere interessato, il conducente di taxi gode di quell’illusione di isolamento che gli permette di sapere senza partecipare.

Il tutto, senza distinzioni di religione, razza, estrazione sociale perché tutta New York si sposta il taxi. Dopo avere ottenuto la licenza per condurre gli ‘yellow cab’ newyorkesi, Wilson ha registrato i dialoghi, telefonici e non, dei suoi passeggeri per un mese durante il suo turno dalle 17 alle 5 e ne ha poi ricavato un montaggio audio molto originale.

L’opera è stata reinserita nel suo contesto e viene fatta ascoltare ai nuovi passeggeri del taxi di Wilson, molti dei quali provano con attenzione e un pizzico di timore a riconoscere una voce nota, parole già dette. Qualcuno non sarà contento di esser divenuto parte di un’opera d’arte senza dare il proprio consenso, magari rivelando al mondo dettagli segreti della propria vita.

Prima di presentare la sua creazione al pubblico, Wilson si è consultato con alcuni avvocati, che gli hanno assicurato che l’aver registrato ed utilizzato le voci dei protagonisti della sua opera a loro insaputa non avrà gravi conseguenze legali.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Recensione: "la stella nera di new york"

    Recensione: stella nera york"

    "La stella nera di New York" di Libba Bray:Evie O’Neill, dopo aver suscitato l’ennesimo scandalo nella noiosa cittadina di provincia in cui è nata, viene spedit... Leggere il seguito

    Da  Blake16
    CULTURA, FANTASY, LIBRI
  • New York - Edward Rutherfurd

    York Edward Rutherfurd

    Titolo: New YorkTitolo originale: New YorkAutore: Edward RutherfurdTraduttore: S. VivianiEditore: Mondadori Oscar BestsellersPagine: 984Data di pubblicazione: 0... Leggere il seguito

    Da  Frencina
    CULTURA, LIBRI
  • A New York… Waldorf Salad!

    York… Waldorf Salad!

    Se non avesse litigato con sua zia, probabilmente non ci sarebbe stato nessun hotel. Ma il nipote sapeva che per la Signora Caroline Webster Astor, sarebbe stat... Leggere il seguito

    Da  Tuttacronaca
    CUCINA, CULTURA
  • New York, New York

    York, York

    Sabato 30 marzo parto per un viaggio a New York di una settimana. Spero vivamente di riuscire a trovare il tempo di andare al cinema a vedere almeno un film... Leggere il seguito

    Da  Psichetechne
    CULTURA
  • Il Re di New York

    York

    Ieri ha compiuto settant'anni un attore che amiamo molto. Magnifico interprete scespiriano, ballerino di tip-tap, aspirante suicida in Io e Annie, veterano del... Leggere il seguito

    Da  Unostudioingiallo
    CINEMA, CULTURA
  • Recensione: New York 1916

    Recensione: York 1916

    New York 1916di Beatrice ColinPrezzo di copertina: € 17,00Prezzo EBook: Non DisponibileEditore: Neri PozzaTitolo Originale: The SongwriterTraduttore: S. Leggere il seguito

    Da  Annalisaemme
    CULTURA
  • I New York City Fc

    York City

    Celo, celo...mi manca! C'è l'accordo, il Manchester City e i New York Yankees si son infatti messi in società per creare una squadra di calcio che parteciperà... Leggere il seguito

    Da  Mariomignella
    CULTURA, SPORT