Magazine Internet

NFC: cos’è e a cosa serve

Da Giardiniblog @GiardiniBlog

Si sente sempre più parlare di NFC e dei mezzi che sfruttano questa comoda tecnologia (come Apple Pay e Google Pay). In questo articolo cercheremo di spiegarvi in modo semplice e rapido cos'è NFC, come funziona e perché con ogni probabilità diverrà sempre più presente nelle nostre vite con la moltiplicazione dei servizi e dispositivi che ne fanno uso.

Cos'è l'NFC

NFC è acronimo di Near Field Comunication (nella nostra lingua comunicazione a corto raggio), si tratta di una tecnologia wireless studiata per permettere a due o più dispositivi di comunicare fra loro quando posti a breve distanza (fra un massimo di 10 e i 4 cm a seconda delle impostazioni di sicurezza).

Tramite le onde radio i device riescono a scambiarsi pacchetti di informazioni, utili per eseguire alcune funzioni.

Uno smartphone può essere abilitato alla comunicazione tramite tecnologia NFC in due modi: tramite un apposito chip presente fin dalla sua fabbricazione; oppure tramite una speciale scheda Micro SD dotata di chip.

Come sapere se il proprio smartphone supporta la tecnologia NFC

Bastano pochi semplici passaggi per scoprire se il nostro dispositivo Android possiede il chip adatto ed è quindi abilitato ad utilizzare questa tecnologia.

Ecco cosa fare, bisogna:

  • recarsi dentro il menù Impostazioni (tramite l'icona a forma di ingranaggio, oppure tramite l'apposita voce nel launcher);
  • andare alla voce NFC (si può cercare più rapidamente scrivendone il nome nell'apposita barra);
  • se la voce è disponibile il vostro dispositivo è compatibile, in caso contrario no.

Sui prodotti Apple è ancora più semplice, dispongono di supporto all'NFC i seguenti modelli:

  • gli iPhone a partire dal 6 (quindi 6, 6s, SE, 7,8, ed X);
  • gli iPad Pro, gli iPad di 5a generazione, gli iPad Air 2, gli iPad mini 3 e successivi.

Cosa si può fare tramite NFC?

Bisogna distinguere le piattaforme, su Android si possono fare molte cose interessanti, su iOS l'utilizzo del chip è stato limitato ad Apple Pay (il sistema di pagamento della casa). Di recente Apple ha permesso agli sviluppatori di iniziare ad utilizzare il chip ma ancora i risultati sono scarsi.

Si può utilizzare lo smartphone come strumento di pagamento

Tramite Apple Pay, Samsung Pay e Google Pay tutti basati sull'NFC si possono effettuare pagamenti semplicemente passando lo smartphone sull'apposito rilevatore. Oggi sono diversi gli esercenti che permettono questo metodo di pagamento, ed ormai è possibile anche pagare il biglietto di alcune metro direttamente tramite cellulare.

NFC: cos’è e a cosa serve

I pagamenti tramite telefono soprattutto per piccole somme si vanno sempre più diffondendo, è probabile che in pochi anni diventeranno la norma.

Si possono sfruttare i tag NFC

I tag NFC sono delle apposite targhette che vengono programmate con una certa informazione (un link, un numero di telefono, un testo, un comando), il dispositivo le rileva se sono a portata. I tag sono nei fatti delle vere etichette elettroniche, si possono anche programmare facilmente.

NFC: cos’è e a cosa serve

Spesso sono presenti nei musei con la descrizione delle opere esposte, all'interno dei biglietti da visita, oppure possono essere utilizzate per far fare al proprio dispositivo alcuni compiti specifici, ad esempio se ne può piazzare uno sulla scrivania ed impostare lo smartphone per mettersi in modalità silenziosa quando lo rileva.

Si possono trasferire file facilmente

Basta utilizzare la comoda funzione Android Beam su entrambi i dispositivi, poi per passare un file basterà aprire l'app e mettere dorso contro dorso i telefoni.

Il trasferimento non avverrà tramite NFC che è un metodo di trasmissione a bassissima velocità, ma attraverso i più veloci Bluetooth o WiFi Direct. In ogni caso la trasmissione viene molto semplificata, perché tramite NFC viene eseguita in un lampo tutta l'autenticazione senza alcun intervento da parte dell'utente.

Attivare Android Beam è semplice, basta semplicemente:

  • andare nel menù Impostazioni;
  • raggiungere la sezione Wireless e Reti e premere sulla voce Altro o Impostazioni aggiuntive (varia a seconda della versione del sistema di Google);
  • premere a questo punto anche sulla voce Android Beam e poi sulla schermata successiva in alto premere su On.
NFC: cos’è e a cosa serve

Si può ascoltare musica

Come abbiamo detto nello scorso paragrafo l' NFC è davvero comodo per ottenere un rapido accoppiamento Bluetooth. Per questa ragione alcune casse sono dotate di NFC così che l'associazione avvenga semplicemente avvicinando lo smartphone.

La musica sarà comunque trasmessa alla cassa direttamente tramite Bluetooth.

Alcune valide casse Bluetooth con NFC sono:

NFC: cos’è e a cosa serve

NFC: cos’è e a cosa serve

NFC: cos’è e a cosa serve

Il nostro approfondimento sulla tecnologia NFC si è concluso, speriamo di avervi chiarito le idee visto che con ogni probabilità sara un tecnologia sempre più presente nelle nostre vite nei prossimi anni.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :