Magazine Africa

Nigeria:Unhcr chiede 157 milioni di dollari per aiuti a vittime di Boko Haram

Creato il 01 febbraio 2018 da Marianna06

Risultati immagini per unhcr in nigeria

L’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) ha chiesto ai donatori internazionali 157 milioni di dollari per fornire sostegno alle vittime del gruppo terroristico Boko Haram nella regione del lago Ciad. L’appello, riferisce il quotidiano nigeriano “The Guardian”, è stato lanciato a Niamey dal vice alto commissario Kelly Clements, secondo cui “la crisi legata a Boko Haram persiste ed è lontana dall’essere risolta”. Il mondo “non deve dimenticare le vittime di questo conflitto, soprattutto perché ci sono poche speranze di un ritorno alla pace e alla stabilità nel prossimo futuro”. L’offensiva del gruppo jihadista nella regione, ha aggiunto la responsabile Onu, ha provocato circa 2,4 milioni di sfollarti interni nel nord-est della Nigeria, Niger, Camerun e Ciad. Nella regione più di 7,2 milioni di persone sono esposte a insicurezza alimentare.
Nonostante le rassicurazioni dei capi militari regionali, secondo cui Boko Haram starebbe perdendo terreno, il gruppo jihadista continua a condurre attacchi nella regione, colpendo soprattutto i civili. Lo scorso 2 gennaio il leader del gruppo Abubakar Shekau ha pubblicato un nuovo video messaggio nel quale rivendica una serie di recenti attacchi avvenuti nel nord-est della Nigeria. “Siamo in buona salute. La polizia, l’esercito e coloro che ci calunniano non possono fare nulla contro di noi”, afferma Shekau nel suo messaggio di 31 minuti pronunciato in lingua hausa, diffusa nella Nigeria settentrionale. Si tratta del primo videomessaggio trasmesso da Shekau dopo diversi mesi, da quando cioè la sua leadership è stata messa in discussione con la decisione dello Stato islamico – cui Boko Haram è affiliato dal 2014 – di sostituire Shekau con Abu Musab al Barnaui, già portavoce del gruppo armato e identificato dagli esperti come il figlio di uno dei fondatori storici. (Fonte Agenzia Nova)

 a cura di Marianna Micheluzzi (Ukundimana)


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :