Magazine Politica

Nilde Iotti: donna del Pci

Creato il 15 aprile 2012 da Francozapzapzup

Nilde Iotti: donna del Pci

 a cura di Oreste Sabatino

Secondo Daniele Santanchè “se Nilde Iotti non fosse stata l’amante di Palmiro Togliatti nonsarebbe mai diventata presidente della Camera”. E “anche Nicole Minetti non doveva diventare consigliere regionale ma le scorciatoie in politica c’erano ieri e ci sono anche oggi, forse un tempo era peggio”.

 Ma da ignorante la Santanchè non conosce la vita e le azioni più significativi di una delle donne più rappresentative dell’Italia Repubblicana.

 Giusto per precisare Nilde Iotti non era l’amante di Togliatti bensì la compagna cosa ben diversa;prima di entrare alla Camera si laureò in Lettere a Milano,partecipò attivamente alla Resistenza aderendo prima ai Gruppi di Difesa della Donna e poi al Pci per poi diventare presidente dell’Unione Donne Italiane di Reggio Emilia.

 Dato l’impegno mostrato nella lotta contro il Fascismo viene candidata dal Pci all’Assemblea Costituente del 1946. Rieletta nel 1948 alla Camera dei Deputati resto tra gli scranni di Montecitorio fino al 1999  anno della sua morte,Camera che presiede per 13 anni, dal 1979 al 1992 , prima donna a ricoprire lo scranno più alto di Montecitorio.

Altri ruoli ricoperti dalla donna comunista furono la presidenza della Commissione Bicamerale per le riforme istituzionali  e la presidenza della delegazione italiana presso l’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa.

Oggi noi ereditiamo gli insegnamenti ed i valori di una donna che ha lottato per la libertà e la democrazia contro il Fascismo ,cha ha scritto e votato la Costituzione,donna che, ha hanno combattuto con migliaia di operai nelle fabbriche del nord e migliaia di contadini nei latifondi del Mezzogiorno portando avanti ideali di giustizia sociale e solidarietà.

Attraverso questi buoni insegnamenti bisogna ritornare alla buona politica e abbattere così il muro dell’astensionismo e del discredito che oggi gli italiani hanno verso i partiti politici e le istituzioni.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazines