Magazine Pari Opportunità

Niqab: il volto e la voce delle donne afghane in TV

Da Raffaella @carrot_afro
“Avevo tanti piani per la mia vita. Ma appena ho visto l'uomo che avrei dovuto sposare, i miei sogni sono svaniti”. Saraya parla in modo sommesso e si torce nervosamente le mani. “Dissi a mio padre che non lo volevo sposare e gli chiesi: 'perché mi fai questo?' Mi rispose che avevo l'età giusta per il matrimonio e che la decisione spettava a lui, non a me”.
Niqab: il volto e la voce delle donne afghane in TV
All'epoca lei aveva 15 anni e fu forzata a sposarsi con un uomo di 58 anni, un noto stupratore con tanto di fedina penale sporca.
Un tumulto di emozioni sgorga liberamente da Saraya che, nascosta dietro una maschera, racconta -come non ha mai potuto fare prima-  episodi della sua vita in uno studio televisivo.
Partecipa al nuovo e rivoluzionario programma afghano “Niqab” (La Maschera), nel corso del quale le donne possono condividere le loro esperienze ed esprimere le loro emozioni e opinioni senza paura, poiché protette da una maschera.
L'oggetto che copre il volto delle protagoniste è per metà blu pallido (il colore del burka) per simboleggiare l'oppressione delle donne, e per metà bianco per rappresentare l'innocenza delle stesse, spesso costrette a diventare mogli quando sono ancora bambine.
L'ideatore del programma è il ventottenne Sami Mahdi, ispirato dagli sforzi di sua madre, di cui dice: “Lei fa molto per aiutare le donne, ma nessuno la prende sul serio o considera le sue attività degne di attenzione.”
“Volevo uno show televisivo che permettesse alle donne di parlare delle loro difficoltà, della violenza e degli abusi che hanno sofferto a casa. È la prima volta che possono farlo in TV. Non so se possiamo fare una differenza nella vita delle vittime, ma spero che Niqab possa aiutare gli uomini afghani a cambiare mentalità e le donne a non sentirsi sole” dice Mahdi alla CNN.
Niqab: il volto e la voce delle donne afghane in TV
Nello studio, il pubblico è formato da attivisti per i diritti umani e da un gruppo di esperti in materia legale e religiosa. “Il tuo matrimonio a un'età così giovane è contro l'Islam. Quello che faceva tuo marito va contro la religione e contro la legge” viene spiegato a Saraya, che è fuggita di casa con i tre figli.
Anche se la situazione è migliorata rispetto ai tempi del regime oppressivo dei Talebani, in Afghanistan le donne vengono trattate come merci da secoli.
Secondo un recente sondaggio della ONG afghana Women and Children Legal Research Foundation, almeno il 59% dei matrimoni è forzato. Di questi, il 30% sono matrimoni badal, o di scambio – gli uomini 'barattano' le loro figlie o sorelle per le donne di altre famiglie. Nel 17% dei casi, invece, una femmina è data in matrimonio per risarcire un danno commesso contro un uomo in un'altra famiglia.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Pasolini e la tv

    Pasolini

    PASOLINI E LA TV Nel 1962 Pier Paolo Pasolini realizzò il film “La Rabbia”e, a partire dai servizi di alcuni cinegiornali degli anni ’50, lo scrittore commenta... Leggere il seguito

    Da  Speradisole
    SOCIETÀ
  • Diritti tv. Mediaset pigliatutto

    Diritti Mediaset pigliatutto

    Diritti tv.Mediaset si e' aggiudicata in esclusiva assoluta per il triennio 2012-2015 sia la prima scelta tra le partite del turno del mercoledi' di Champions... Leggere il seguito

    Da  Daven
    SOCIETÀ
  • Merda nucleare in tv

    Da qualche giorno va in onda questo spot, quindi è iniziato ufficialmente il lavaggio del cervello degli italiani. La posizione che ho è la stessa che avevano... Leggere il seguito

    Da  Flyguyit
    SOCIETÀ
  • TV di qualità

    qualità

    Solitamente non parlo di quanto fa schifo la TV italiana perchè affermare che è una porcata è un'ovvietà assai poco impegnativa e trovare un programma per cui... Leggere il seguito

    Da  Tanci86
    SOCIETÀ
  • Vecchia cara TV…

    Vecchia cara

    Segnalazione a cura della Dott.ssa Olga Ines Luppino, Psicologo, Segretario Generale dell’Associazione. Fare il genitore continua ad essere ritenuto “il mestier... Leggere il seguito

    Da  Zero39
    SOCIETÀ
  • Tv

    Una cosa estremamente positiva del nuovo trasloco è che non abbiamo tv disponibile in cucina/sala pranzo (la vecchia si è rotta). Leggere il seguito

    Da  Babilonia
    SOCIETÀ
  • La tv interattiva

    interattiva

    La vecchia TV era bellissima. Quando io ero piccolina, incredibile, la televisione era in bianco e nero, non che io sia anziana eh… il colore arrivò poco... Leggere il seguito

    Da  Effettoparadosso
    PER LEI, SOCIETÀ, TALENTI