Magazine Informatica

Nobocop...

Creato il 10 giugno 2018 da Marte @CPiramidale
Nobocop...
PART MAN, PART MACHINE, ALL BUGS!
Il Marte redivivo?! Qual buon vento???
Beh, semplicemente ho qualcosa di nuovo da dirvi... Ché recentemente sono stato introverso e riflessivo anzichenò! ;) Ma non solo io, ad occhio e croce... Perché il propellente che carbura questo "blog" dipende in larga misura dall'entusiasmo di "retro-tizi" diversi da me (...e se costoro non organizzano più eventi e non trovano più il tempo per fare cose divertenti, mi lasciano a bocca asciutta e senza spunti di riflessione! "C64 16KB Cartridge Competition" ANYONE?!?!?! :( ).
Del resto, diciamocelo: dipendere dagli altri è altamente stressante. ...Ed ultimamente ho riflettuto a lungo proprio su questo aspetto della mia vita. Infatti mi sono accorto che spesso e volentieri spendo le mie (poche) energie a capocchia, concentrandole sull'effimero. ...E, stringi stringi, me ne resto con un pugno di mosche in mano (tutte spappolate, ché le ho strette troppo... :D ).
Per esempio, prendete questo "blog"... Negli anni, mi è capitato di doverlo modificare più e più volte (perché il tale servizio "web" ha cessato d'esistere. Perché l'"host" che usavo per determinati "upload" s'è svampato...). Ora, scendete nel dettaglio dei singoli "post"... Molti di loro sono diventati inutili ed anacronistici. Perché se scrivi sull'onda dell'entusiasmo dopo aver visto un video di "YouTube" che nel mentre è stato eliminato, alla fine ti ritrovi con un articolo che parla del nulla! ...E che dire del mirabolante programma che hai linkato, ma nel frattempo è diventato un misero "404 ERROR"?

Nobocop...

Non è colpa mia... :(


Il problema è che io, per queste piccolezze, ci andavo in sbattimento. Avevo sempre l'impulso di rimediare, di correggere... Mi affannavo per far bene una cosa che, in fondo in fondo, era ed è solo un'involuzione autistica arrotolata strettamente tutt'intorno a me... Arrotolata TROPPO stretta... Roba che ti sale l'ansia e ci vivi male, perché la percepisci come una parte importante della tua vita che può andare a rotoli da un momento all'altro e sulla quale non hai alcun controllo...

Nobocop...

...E la potenza è nulla, senza controllo! :D


Riflettete.
Ogni giorno affidiamo la nostra esistenza a "Google", "Facebook", "Instagram", "Blogger". ...E se domani sparissero nel nulla tipo "Yahoo!", "MySpace" e "Nokia"? Arriva l'"hacker" cattivo che brasa tutto. A Donald Trump gli gira male e decide che "Internet" puzza. Oppure la "NuovaPiattaformaWeb 3.0" fa terra bruciata tutt'intorno a sé, relegandoti nell'oblio...
A quanti di voi salirebbe il mal di vivere con magone incorporato? Su le mani! :)
...E questo parlando solo di abitudini hobbistiche! Ci lavori, con la rete? Allora inizia a fasciarti la testa e sciogli le briglie della tua paranoia!!! :) Perché rendersi pienamente conto che l'unico modo per stare relativamente tranquilli è avere il proprio "server" in casa, non è il massimo della vita! Diversamente, le nostre misere esistenze da internauti sono sostentate da supporti vitali gestiti da individui e società che oggi ci sono... Domani chissà!
...Ed allora il Marte ha deciso che le sue energie meritano di essere convogliate ANCHE in ambiti più stabili e sicuri. Perché se al Marte piace scrivere, forse è il caso di provare a buttare giù un qualcosa che un domani possa essere eventualmente concretizzato in un libro. Ché quello resta! ;)
...E se non si concretizza, almeno potrò dire di averci provato! :)
Così facendo, riprendi il controllo della tua creatività e la veicoli entro un "media" che non dipende dalle bizze del mercato/della rete/della GGGgggente! :) ...E così schivi le pallottole che ti spara contro il Fato meglio di come le scansava Robocop nell'omonimo videogame per "Commodore 64" (nel quale, a dirla tutta, il "robopoliziotto" non schivava granché bene... :P ).

Nobocop...

"Vivo o morto, tu giocherai con me!".


Ce l'avete presente, il suddetto "tie-in" firmato "Ocean"? Un videogioco del 1988 rushato sulla scia del "coin-op" di "Data East" e del "blockbuster movie" dell'anno precedente. Un videogame che, a vederlo, pare una grandissima figata... Ma poi lo provi e scopri che giocarlo è un po' come morire! Nel senso che facilmente muori dopo neanche due minuti di gioco, da tanto è difficilerrimo.
Della serie: escludendo la vita singola con l'energia che si depaupera neanche fossimo il "papercraft" di Robocop...

Nobocop...

"Sono ROBUSTISSIMO!".


...Il peggio del peggio sono i controlli! Tipo: non puoi sparare verso l'alto SENZA SALTARE!
Dice: "Eh vabbè, Marte! Macché "controlli" e mica "controlli" d'Egitto! In quegli anni, tutti i videogiochi erano difficilissimi!!!". "Vero!" rispondo, ma perlomeno tutti gli altri videogiochi "difficilissimi" non usavano il fattore "difficoltà" per celare la magagna! Ché "Robocop" per "C64" ti propina dei livelli incasinatissimi e non ti dà il tempo materiale per completarli perché sa che se arrivi sano a salvo al livello 7, TI IMBATTI IN QUESTO OBBROBRIO!!!

Nobocop...

Oddio, devo risintonizzare il "Digitale Terrestre"...


Uno schema di gioco totalmente glitchato ed ingiocabile.
In un prodotto COMMERCIALE!!!1!UNO!ONE!
In pratica "Ocean", avendo scazzato il codice del gioco e non avendo il tempo materiale per fixarlo, pensò bene di nascondere la polvere sotto il tappeto rendendo praticamente impossibile terminare il videogame! Quando però i "crackers" se ne uscirono con i "trainer-mode" del gioco (energia illimitata, tempo infinito...), tutti i nodi vennero al pettine!
Ma per fortuna i "N0stalgia" ci hanno messo una pezza (anzi, ben più di una!!! :) ).

Nobocop...

"Robocop" secondo "N0s".


...E se cliccate QUI, anche voi potrete riscoprire questo videogame nella sua integrità; perché così doveva essere, da sempre!
PS: Moritete uguale al primo schema, ché la difficoltà non è mutata di una virgola.

SAPETELO! :D

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog