Magazine Cinema

Non c’è più religione

Creato il 28 dicembre 2016 da Nehovistecose

Regia di Luca MinieroNon c’è più religione

con Claudio Bisio (Cecco), Alessandro Gassman (Marietto/Bilal), Angela Finocchiaro (suor Marta), Nabiha Akkari (Aida), Giovanni Cacioppo (Aldo), Laura Adriani (Maddalena), Mehdi Meskar (Alì), Roberto Herlitzka (il Vescovo), Massimo De Lorenzo (Don Mario), Nunzia Schiano (la madre di Bilal), Paola Casella (Addolorata), Giovanni Esposito (il segretario del Vescovo).

PAESE: Italia 2016
GENERE: Commedia
DURATA: 90′

In un piccolo comune mediterraneo non nascono bambini. Chi farà Gesù nel consueto presepe vivente natalizio? Con le spalle al muro, il sindaco Cecco e la suora Marta chiedono aiuto alla comunità musulmana presente sull’isola…

Scritto da Miniero, Sandro Petraglia e Astutillo Smeriglia, presentato come un film/dibattito sul tema dell’immigrazione (trailer ingannevole come pochi), è in realtà un becero sottoprodotto della commedia italica odierna. Non c’è una sola idea originale, un personaggio riuscito, una battuta che non si sia già sentita. Lo spunto di partenza era buono e poteva toccare corde profonde, ma la storia è talmente piena di banalità e luoghi comuni – gli arabi sono tutti rappresentati come dei bigotti antipatici che impongono con la forza e l’inganno il proprio credo – che alla fine si sente persino un pò puzza di leghismo. E qualsiasi ambizione sociale si perde (letteralmente) nel mare della farsa di serie B. Nemmeno Bisio salva il film dalla disfatta. L’umorismo sarà pure esente da volgarità, ma qui si ride meno che in un cinepanettone. Con l’aggravante del fatto che le ambizioni erano ben altre. Da perdere con ostinazione.

Non c’è più religione



Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines