Magazine Cultura

Non lo so

Creato il 25 luglio 2017 da Unarosaverde

Non lo so, come intitolare questo post. Molto è cambiato, nello spazio di poche settimane. Dalle mie giornate, da quello che mi accade ricavo sensazioni e pensieri, ma non sono pronta a dare loro una forma scritta. Non mi piace l’incertezza e ci sono piombata in mezzo. Faccio piani a breve termine e mi organizzo il tempo in orizzonti settimanali. Non vado oltre: le condizioni al contorno mutano e non le posso più controllare. Se guardo più in là vedo il grigio e mi spavento e mi chiedo come farò e come sarà e mi agito e allora smetto. Mi fermo e riduco i confini a quello che è a fuoco.

Non c’è niente di grave adesso: è iniziato un periodo difficile in cui bisogna resistere e sperare. Il primo passo è andato per il meglio, il secondo anche. I primi passi sono la cosa più importante di un cammino, anche solo per il coraggio che serve per partire. Gli altri che seguiranno li valuteremo tra qualche mese quando le foglie si staccheranno dagli alberi e sarà tornato il fresco. Fuori dai confini della mia casa c’è un’altra persona che lotta ogni giorno contro quanto non si può controllare, ma solo affrontare. La penso spesso e la ammiro e aspetto, con lei, il prossimo momento di quiete.

Potrei scriverne, senza smettere, per ore, ma è tutto ancora troppo confuso e i flussi di coscienza mi sono sempre sembrati molto noiosi, come i racconti dei sogni altrui.

Non mi piacciono i blog appesi nelle pause, l’ho scritto spesso: tornerà o è un incompiuto? Non sono domande che voglio che un mio lettore per caso formuli. Forse questo sarà l’ultimo post. Per un po’ o per sempre. Tornerò qui o in un posto nuovo, se alla fine del po’ deciderò che questo non ci sarà più. Non lo so, adesso.  Va bene lo stesso, non sapere. Andare più piano non significa non arrivare mai. Anzi, magari c’è più tempo per godersi il panorama.

Annunci

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines