Magazine Diario personale

Non piange mai

Da Silvia

Non piange mai

Arriva e non si ferma, colpisce a frusta la mia testa
Stringe le mie costole e soffoca l'aria dentro
Prosciuga la saliva, inaridisce un battito e controtempo lo spinge nella gola
Troppo tardi troppo presto senza ritmo
Contrae il movimento, abbrevia le direzioni
Mi nausea il sonno mi attorciglia le lenzuola
Il sudore si fa cupola fra i seni
Ha un odore aspro
Alza il volume, aumenta il rumore
Ronza dentro le orecchie, intercetta i pensieri, li ghermisce e li piega
Vizia le sensazioni, le vessa, le sradica
Comanda e spinge
Urla e dispone
Stravolge, non mi è più riconoscibile il volto mio, gli occhi mi si fanno stranieri
Frena i miei piedi, inciampa nell'andare con me
Incendia le guance e dilata la pelle, piccole bocche nel derma cercano aria, il mio collo boccheggia
Cerca tana, nascondiglio, conforto e tempo
Cerca un tempo altro, cerca che passi, cerca che cambi dentro un'altra vertigine
Vuole colori spinti fuori dal grigio e dalle luci morte e vede solo quelli
Lotta prende costringe abusa
Frappone singulti ma non piange
Trema semmai trema
Rovescia investe spettina
Morde l'ombelico, illiquidisce il sangue, lo ghiaccia
Cristallizza il fluido del mio tepore, mi faccio freddo ovunque, non ci sono coperte
Fra le ciglia ostacoli e sassi
Nelle pupille ombre e curve
Nei sogni tornanti e strapiombi
Scuote e scompiglia, si prende i polsi e trafigge le caviglie
Se ci fosse un abbraccio.
Non piange mai
Trema, semmai trema.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog