Magazine

nuova uscita HarperCollins: I giorni della follia

Creato il 30 aprile 2018 da Stefania2012 @lepassionidiste

nuova uscita HarperCollins: I giorni della folliapag. 332 – prezzo 17,50€dal 3 maggio in libreria
Sinossi: “Le immagini di quella notte mi tormentano ancora. È successo tutto così in fretta, ma ricordo quel fruscio secco che spezzò l’illusione, che mi distrusse la vita, che mi risucchiò l’anima.”
Boston, 24 dicembre. Un uomo cammina per le strade del centro. È nudo, coperto di sangue e tiene in mano la testa mozzata di una giovane donna.Arrestato dalla polizia, viene affidato al dottor Jesse Jenkins, direttore dell'ospedale psichiatrico della città, al quale viene presto affiancata Stella Hyden, profiler dell'FBI, incaricata di aiutarlo con una valutazione psicologica che si prospetta particolarmente difficile, visto che lo sconosciuto si limita a rispondere alle domande con un sorriso sibillino.
Qualche giorno dopo il direttore riceve una cassa. Sul biglietto che la accompagna ci sono un nome, Claudia Jenkins, e un asterisco a nove punte sul retro. Nella cassa c'è la testa la testa di sua figlia... Chi è l'uomo che i media hanno soprannominato il decapitatore? È stato lui a uccidere le due ragazze? E perché?
Per scoprirlo, Jesse e Stella si addentrano in un'indagine inquietante, che metterà in gioco le loro vite e li condurrà fino a Salt Lake City e a una storia irrisolta di diciassette anni prima. Il ritmo sostenuto, le immagini scioccanti e le numerose citazioni letterarie (da García Márquez a Paul Auster, da George Orwell a Stephen King) danno vita a un thriller sofisticato che unisce passato e presente, esplora i limiti dell'essere umano e infrange i canoni del genere.
L’autore: Javier Castillo è cresciuto a Malaga, in Spagna, si è laureato in Economia e ha conseguito un master in Gestione d'impresa. Attualmente lavora come consulente finanziario. Ha scritto I giorni della follia‒ suo romanzo d’esordio ‒ con lo smartphone, nei quaranta minuti quotidiani passati in treno tra Malaga e Fuergirola, la città in cui risiede.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog