Magazine Medicina

Nuove speranze per un vaccino contro il tumore ovarico

Creato il 03 maggio 2018 da Conservazionecordoneombelicale @SorgenteSalute

Due studi in corso affrontano metodi alternativi per combattere il tumore ovarico. Entrambi si concentrano sulle forme resistenti alle terapie standard

Conservazione cordone ombelicale - GuidaDi: Redazione

Negli ultimi anni, stanno fiorendo sempre più studi che mirano a produrre vaccini anti-cancro. I vaccini in questione riconoscerebbero i marker genetici del tumore, così da attaccarlo con precisione. I ricercatori dell’Università della Pennsylvania stanno applicando questo principio alla creazione di un vaccino per il tumore ovarico.

La dura lotta contro il cancro alle ovaie

Il cancro alle ovaie è un tipo di tumore difficile da trattare. La terapia standard prevede la combinazione di chirurgia e chemioterapia. Spesso, nonostante una prima risposta positiva, il tumore si ripresenta. A questo punto i normali trattamenti falliscono e il tumore si sviluppa senza controllo.

Per questo motivo, gli autori dello studio hanno deciso di tentare un approccio alternativo. Il vaccino sviluppato dal team attacca il tumore nella sua interezza, senza coinvolgere gli altri tessuti. Nello specifico, mobilita la risposta immunitaria dell’organismo sulla base di una serie di marker specifici per il cancro alle ovaie.

Un farmaco ad hoc

Un gruppo dell’Imperial College London sta affrontando il problema da un altro punto di vista. Il team del professor Charles Coombes ha sviluppato un farmaco specifico per i tumori resistenti ai trattamenti standard. Il farmaco si è dimostrato promettente nei test sugli animali: il prossimo passo sarà la sperimentazione umana.

Il nuovo farmaco colpisce una molecola che aiuta le cellule tumorali a leggere le istruzioni nel proprio DNA. In questo modo si agisce anche contro tumori altrimenti incurabili e resistenti ai normali trattamenti.

Fonte: guardian.ng


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog