Magazine Curiosità

Nuovi video, interviste esclusive e prove sugli UFO presto in TV

Da Extremamente @extremamentex

Un potente veicolo per il cambiamento, attraverso un consorzio tra scienza, industria aerospaziale e intrattenimento che lavora in sinergia per consentire ai ricercatori di talento la libertà di esplorare le tecnologie “esotiche” con le infrastrutture e le risorse adeguate, in modo di creare prodotti in grado di cambiare il mondo. È questa la mission di To the Stars Academy of Arts and Science, la public benefit corporation statunitense che si è posta l’obiettivo di trovare la verità sui fenomeni aerei anomali. Per quanto riguarda l’intrattenimento, è in arrivo una grande novità.

IL LOGO DELLA CORPORATION CREATA DA TOM DE LONGE

IL LOGO DELLA CORPORATION CREATA DA TOM DE LONGE

A mettere insieme questo gruppo eterogeneo di pensatori, scienziati ed ex funzionari governativi è stato un personaggio del mondo dello showbiz, ovvero Tom DeLonge. Chitarrista e leader dei Blink182- una band pop punk- DeLonge ha trasformato la sua passione per il mistero che circonda gli avvistamenti UFO in un impegno a 360 gradi. Lasciata l’attività di musicista e contando sul suo cospicuo conto in banca, si è dedicato completamente all’accademia da lui stesso fondata e che ha subito conquistato l’attenzione dei media grazie allo scoop realizzato dal New York Times nel dicembre 2017.

In quell’occasione, il prestigioso quotidiano ha pubblicato in prima pagina l’articolo nel quale si svelava l’esistenza di un programma segreto del Pentagono – indicato con la sigla AATIP, ovvero Programma Avanzato di Identificazione delle Minacce Aerospaziali- volto a  studiare quegli strani velivoli dalle prestazioni impressionanti incontrati in cielo e osservati da vicino dai piloti militari degli Stati Uniti. A confermarne l’esistenza, è stato Luis Elizondo, ex funzionario dell’intelligence militare,  agente speciale spesso impegnato in teatri di guerra e direttore proprio del programma dal quale si è dimesso in polemica con i suoi superiori poco interessati all’argomento e  alla potenziale minaccia che questi fenomeni possono costituire.

TOM DELONGE E UN FRAME TRATTO DAI VIDEO DEL PENTAGONO

TOM DELONGE E UN FRAME TRATTO DAI VIDEO DEL PENTAGONO

A corredo di quelle rivelazioni scioccanti– almeno per chi credeva davvero che il Ministero della Difesa di Washington avesse concluso le sue indagini nel 1969, con la fine del progetto Blue Book…- il New York Times ha pubblicato dei video sconcertanti ripresi in due diverse circostanze dalle telecamere agli infrarossi montate sui jet militari che mostrano un oggetto volante sconosciuto tallonato da caccia americani e la testimonianza di uno dei piloti protagonisti di quell’inseguimento senza successo. Video, testimonianze, ammissioni e scoop giornalistici possibili grazie a To the Stars Academy, che Elizondo aveva contribuito a far nascere poche settimane prima della stesura dell’articolo.

Già all’epoca, si vociferava di altre immagini, di altre rivelazioni scottanti in procinto di essere rese pubbliche. Ma a parte un terzo filmato diffuso nei mesi successivi, il 2018 non ha portato significativi passi in avanti nella “disclosure” che gli appassionati di UFO attendono da decenni. Ma potrebbero arrivare presto. Nel mese di maggio, infatti, History Channel trasmetterà una nuova serie prodotta e condotta da Tom DeLonge. Titolo: “Unidentified: Inside America’s UFO Investigation”, ovvero, “Non identificato: dentro le indagini sugli UFO in America”. Sei puntate di un’ora l’una nelle quali, promette il sito di To the Stars Academy, “esporre una serie di sorprendenti incontri e intraprendere nuove inchieste affascinanti per indurre il pubblico a dare delle domande e a cercare le risposte.”


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog