Magazine Economia

Occupazione: livello stabile a settembre, ma resta critica la situazione dei giovani

Da Stefanohely
La disoccupazione rimane stabile, ma sale quella giovanile. Questo è il dato più eclatante dall'ultimo rapporto Istat. Il livello di disoccupazione è rimasto all'11,1% a settembre, quindi senza variazione rispetto ad agosto, quando c'era stato un calo (-1,5%). Sono due i fattori che incidono maggiormente su questo dato. Da una parte c'è il calo della disoccupazione maschile e over 35, ma dall'altro c'è un forte aumento tra le donne e i giovani (15-34 anni). Inoltre sale anche la quota degli inattivi, specie nella fascia maschile e 15-34enni.

I dati sull'occupazione

Occupazione: livello stabile a settembre, ma resta critica la situazione dei giovaniRiguardo a quest'ultimo aspetto: nell'ultimo è cresciuta la quota di inattivi tra i 15-24enni (+0,3 punti), mentre è scesa tra i 25-34enni (-0,3 punti) e gli over 50 (-1,4 punti). Resta stabile tra i 35-49enni. Tuttavia il fatto che sia calata la popolazione complessiva tra 15 e 49 anni finisce per incidere sulla variazione annua dell'inattività, che risulta così amplificata. Al contrario, dal momento che la popolazione degli ultracinquantenni è cresciuta finisce per attenuare la variazione negativa dell'inattività in questo range.
Cambia anche la composizione del mercato del lavoro. Dall'inizio dell'anno sono infatti diminuiti i dipendenti di 17 mila unità. Nel corso del trimestre invece l'occupazione sale, ma la variazione positiva riguarda quasi esclusivamente i contratti a termine (+103 mila), mentre i lavoratori a tempo indeterminato sono saliti solo di 6mila. Anche su base annua questo trend è confermato: lavoratori dipendenti +387 mila, ma 361 mila sono quelli a termine e solo 26mila quelli permanenti. Infine c'è il dato critico sulla disoccupazione giovanile. A settembre nella fascia 15-24 anni la quota di giovani disoccupati è pari al 35,7%, in aumento di 0,6 punti percentuali rispetto al mese precedente.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :