Magazine Lifestyle

Ogni prima volta

Creato il 23 ottobre 2019 da Hayls

Ogni prima volta

Autore: Justin A. Reynolds

Jack King è un esperto in "Ci è mancato poco". Ci è mancato poco perché tenesse il discorso di fine anno, ci è mancato poco perché entrasse nella squadra sportiva della scuola e ci è mancato poco perché conquistasse la ragazza della sua vita. Poi Jack incontra Kate a una festa. I due restano a parlare fino all'alba, si scoprono innamorati degli stessi film e della stessa marca di cereali. È un colpo di fulmine in tutto e per tutto. Ehi, Jack, niente più "Ci è mancato poco"! Invece no, perché Kate muore. Normalmente la storia si concluderebbe qui, ma la morte della ragazza rispedisce Jack indietro nel tempo al loro primo incontro e lei è di nuovo lì. Bella e radiosa come sempre. Sembra una follia eppure se il destino ha davvero deciso di offrirgli una seconda possibilità, lui è determinato a prenderla al volo.

Recensione: Questo genere di storie infatti, spesso non funzionano. Per "questo genere" intendo le storie che hanno la tematica che troviamo qui, dei Il ripetersi di un esatto momento della vita del nostro protagonista, I suoi
Ogni prima volta è uno young adult carino, molto più carino di quanto mi aspettassi, non pensavo infatti che il romanzo di Reynolds mi sarebbe piaciuto così tanto.
"viaggi nel tempo", chiamiamoli così, del ripetersi continuo della stessa giornata - o dello stesso periodo- più volte. A lungo andare, dopo aver vissuto gli stessi momenti, due, tre, anche quattro volte, il lettore finisce spesso per stancarsi o annoiarsi, con Ogni prima volta, invece, non ho trovato nulla di tutto questo.

Ogni prima volta

Jack King, non pesa, perchè l'autore ha saputo bilanciare bene tutti gli ingredienti della sua storia, e il risultato finale è funzionale e carino. Un punto di vista diverso, nuovi meccanismi che portano le cose a funzionare in modo differente, rendono la storia tutt'altro che lenta o noiosa. Ma, mi sono accorta di essere partita in quarta senza aver fatto un minimo accenno alla trama, quindi lo faccio subito: cosa fai quando trovi l'amore della tua vita ma il destino sembra andare crudelmente contro di te? Te la predi con esso e tenti di mallearlo a modo tuo, quando lui sembra dartene inspiegabilmente l'opportunità. E così Jack King, la sera in cui incontra Kate ad una festa, capisce che lei è quella giusta, quella da non lasciarsi scappare, quella che forse è destinata a lui. Le cose però, quella sera, e successivamente, non vanno come Jack vorrebbe e tutto peggiora ulteriormente quando il ragazzo scopre che Kate soffre di una malattia che pare incurabile.
Per fortuna, e per caso, però, Jack ha l'opportunità di cambiare tutto quando si ritrova, a sorpresa, nuovamente alla sera del loro primo incontro, e facendo le cose in modo diverso, forse, ha anche l'opportunità di salvare la vita della ragazza...
Ho adorato lo stile dell'autore, ma soprattutto ho adorato il suo protagonista, Jack, perchè mi sono trovata di fronte a uno di quei personaggi che piacciono tanto a me, un po' imbranato, molto insicuro, che sa prendersi in giro con la giusta dose di sarcasmo. Attraverso le sue scelte, i suoi ragionamenti e anche con i suoi sbagli, risulta un personaggio realistico su tutti i fronti, verosimile. Un ragazzo come tanti, sentimenti, non solo nei confronti della ragazza di cui si è perdutamente racconta la storia in prima persona, dialogando con i lettori, mettendo nero su bianco supposizioni e domande, Jack è un ragazzo semplice, alla mano, con cui si entra facilmente in empatia.

Ogni prima volta

innamorato, ma anche verso amici e famiglia, sono puri, genuini e forse anche un po' ingenui, ma la sua simpatia rendono la lettura di questo romanzo, scorrevolissima e leggera. Nonostante ci siano delle dinamiche un po' troppo fantasiose, e non mi riferisco solo ai viaggi nel tempo, che avvengono per puro caso e senza un motivo specifico (forse mi sarebbe piaciuta qualche spiegazione da questo punto di vista), ma anche ai genitori fin troppo perfetti o ai sentimenti che nutre verso un altro personaggio ma che poi spariscono in un lampo... insomma, nonostante queste piccolezze poco realistiche, non sono rimasta più di tanto infastidita da questi dettagli perchè tutto viene davvero surclassato dalla penna dell'autore e dal carisma del suo protagonista, che lo risulta - carismatico - proprio per le sue Sulla trama in sè, in realtà certi atteggiamenti avuti nel personaggio di Uno young adult, insomma, che ha in sè
umane e semplicissime insicurezze che non si ostina a nascondere.
Kate, non mi hanno entusiasmato, ma nel complesso ho trovato la relazione tra lei e Jack, una di quelle storie tenerissime, dolci, ma tutto sommato ben bilanciate da non risultare stucchevoli o fastidiose. I due sono semplicemente carini insieme.
una formula narrativa già vista, ma che questa volta funziona, e che io ho trovato adorabile, simpatico e leggero.
Raynolds, non parla solo di amori sbocciati e di malattia, ma si sofferma molto anche sui rapporti amicizia che Jack ha (e che a volte è difficile bilanciare, quando si fa entrare una nuova persona nelle nostre vite), e di famiglia, il tutto architettato con maestria e uno spirito ironico ma anche riflessivo.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines