Magazine Cinema

Okja di Bong Joon-ho

Creato il 06 ottobre 2017 da Samuelesestieri

Okja di Bong Joon-ho
Bong Joon-ho è sempre stato uno dei registi che preferivo di quella cosiddetta new wave coreana che fece tanto parlare di sé diversi anni fa. Recupero finalmente “Okja”, ennesimo film bellissimo oscurato dalla noiosissima polemica Netflix-Cannes. Ed è un peccato perché con questa fiaba nera e ambientalista, dal cuore spudoratamente spielberghiano, Bong si conferma uno dei registi più politici in attività. Come ai tempi di The Host, lo strepitoso regista coreano è ancora in grado di cambiare pelle all’interno dello stesso film, di passare con totale disinvoltura dal film per famiglie all’oscurità di un olocausto animale. E’ vero, tutti i personaggi di contorno sono assai stilizzati (e qual è il problema?), ma la piccola Mija, tenace e testarda, è un personaggio da amare fino alla fine, una giovane eroina come non se ne vedevano da tempo. Sembra Elliott di E.T. con la purezza delle piccole grandi donne del cinema di Miyazaki. In fondo quella di Bong è una storia d'amicizia alla fine dei giorni, dove le uniche luci in un mondo ridotto a capitale sono un maiale gigante e una bambina. Bong, del resto, non risparmia nessuno: animalisti, multinazionali, pedine politiche, giornalisti e così via. Eppure non finisce mai di sperare, come in quel finale di luminosa bellezza. Avercene di film così...

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines