Magazine Politica

OPERAIO RESO SCHIAVO, sfruttamento lavoro immigrati

Creato il 17 luglio 2011 da Fabiosiena @alternativadem

calabria reggio

a cura di Fabio Siena

Un agricoltore, Pititto,  57 anni, rende schiavo un immigrato ghanese, lo maltratta e lo costringe a lavorare fino a 20 ore giornaliere.  Succede a Reggio Calabria, nel profondo e “accogliente” meridione, sulla punta dello stivale.

L’uomo è stato arrestato a Cessaniti con molteplici accuse per un’ordinanza di custodia cautelare del Gip di Reggio Calabria.

Questo, tuttavia, non è certamente un caso isolato. Agli occhi di tutti coloro che frequentano per un motivo o un’altro le campagne calabresi durante i raccolti è evidente che la manodopera a nero, molto abbondante, se non prevalente, è costituita in maggior parte da poveracci immigrati senza alcuna alternativa. Uomini, bambini e donne in molte aziende agricole vengono sfruttati fino all’osso e sottopagati. In alcuni casi lo sfruttamento, come in quest’ultimo, sfociano in abusi psicologici e fisici ancor peggiori,  vicini alla tortura. Il problema è più serio di quanto viene descritto dalla maggior parte delle agenzie di stampa. Non è possibile continuare a rimanere indifferenti.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazines