Magazine Consigli Utili

Osteria Dei Santi - Via Marenzio 1 - Bologna

Da Stefano
Osteria Dei Santi - Via Marenzio 1 - BolognaUna vecchia casa con entrata indipendente costituisce l'ormai "storica" Osteria dei Santi. Da sempre gestita in maniera "famigliare", ha avuto il suo "top" nei primi anni 90 grazie alla proposta finale dei zuccherini incendiati (per l'epoca una novità imperdibile). Arrivati all'apice del successo la proprietaria ha deciso di vendere il tutto e da qui è iniziato il decadimento del locale testimoniato anche dal continuo susseguirsi di diverse gestioni. Arriviamo ai giorni nostri... Il fatto di arrivare in prossimità dell'osteria e trovare parcheggio ovunque fà già pensare a qualcosa di non entusiasmante... Una volta sorpassato il cancello da cui si accede prima al giardino e poi agli interni, notiamo che nulla è cambiato negli arredi. La novità è la tipologia di locale non più da "ballotta" ma estremamente "intimo" con luci basse e candele sui tavoli. Sul fondo della stanza c'è la consolle utilizzata diversi anni fà per karaoke che sembra avere una funzione puramente di "sottofondo" per la cena. Peccato che questa prima impressione sia totalmente sbagliata. In effetti il tutto viene utilizzato dal proprietario per scommettere sui vari siti internet, commentare le eventuali vincite o perdite, arrivando sino al punto di togliere totalmente il sottofondo per ascoltare le estrazioni dei numeri e rivolgendosi a noi (unici non giocatori del locale) dicendo "tanto voi siete in minoranza". A questo punto finita la cena ci affrettiamo ad uscire senza ovviamente prendere nulla di più rispetto a quello ordinato. La cosa che più mi dispiace in tutto ciò è la cucina. Infatti i cibi sono eccezionali. Tutto di qualità e cotto alla perfezione. Dal risotto con gamberi, zucchine e panna, al filetto ed alle patate. Peccato perchè ci sarei tornato volentieri ma visto che la clientela intenzionata esclusivamente a cenare "è in minoranza", meglio andare altrove e non sentirsi di troppo...

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :