Magazine Cucina

Osteria dell’Elefante, a tavola tra botti e resti di Mammuth

Da Valentina Mistra
Osteria dell’Elefante, tavola botti resti MammuthOsteria dell’Elefante, a tavola tra botti e resti di Mammuth

Cannoli ripieni di baccalà, tonnarelli alla carbonara di porcini, filetto di maiale in crosta di patate e anatra in oliocottura. Tutto accompagnato dai vini biologici della cantina Castello di Torre in Pietra. Questi sono alcuni dei piatti in menu della nuova Osteria dell'Elefante che ha aperto pochi giorni fa tra botti e resti degli elefanti preistorici

Ha inaugurato pochi giorni fa, nella grotta della cantina Castello di Torre in Pietra, a pochi chilometri da Roma, l'Osteria dell'Elefante. Il nome deriva dagli elefanti preistorici che da 400mila anni riposano nella collina di tufo, sorta dalle ceneri del vulcano di Bracciano, dove maturano i vini bianchi e rossi di Filippo Antonelli e Lorenzo Majnoni, già produttori in Umbria (con il Montefalco Sagrantino e il Trebbiano Spoletino) e in Toscana con il Chianti dei Colli Senesi e Superiore.

Tra botti, bottiglie e resti di Mammuth (l'impronta di una lunga zanna nella parete del tunnel di collegamento con la cantina e una parte di femore esposto al punto vendita), l'Osteria dell'Elefante propone una cucina della campagna romana, abbinata ai vini delle tre case vinicole della famiglia: Castello di Torre in Pietra; Antonelli San Marco e Majnoni Guicciardini.

Il menu

Osteria dell’Elefante, tavola botti resti Mammuth
Osteria dell’Elefante, a tavola tra botti e resti di Mammuth

Il menu stagionale è preparato il più possibile con prodotti biologici e locali, in parte coltivati nella stessa azienda agricola di Castello di Torre in Pietra (verdure, ceci, farro, pasta di farro, olio extravergine d'oliva). In cucina lo chef romano Marco Di Luca, classe '74, vanta esperienze in Europa e Italia: alla Brasserie Blanc di Bristol, all'Antico Arco sul'Aurelia, all'hotel Parco dei Principi in via Frescobaldi, alla Vinosteria di via dei Sabelli e altre.

In carta si possono trovare ricette come i cannoli ripieni di baccalà gratinati con crema di ceci e i tonnarelli alla carbonara di porcini, tra i primi. Oppure il galletto cotto a bassa temperatura e ripieno di patate al rosmarino e crema di peperoni o il filetto di maiale in crosta di patate gratinate con crema di cedro e arance candite, tra i secondi. Ma si può cominciare con un Tagliere dell'Elefante (bruschetta con mousse di fegato e arance, formaggi misti della Tuscia, prosciutto semidolce Reatino, porchetta fatta in casa, anatra in oleocottura, flan di melanzane e ricotta, coppa Reatina) e concludere con un dolce dello chef Di Luca, come un Tiramisù al bicchiere o un semifreddo al pistacchio e cioccolato bianco.

La carta dei vini è interamente biologica e comprende tutte le etichette delle tre cantine di famiglia, tutte certificate Bio. Giocando in casa, l'offerta al cliente guadagna in prezzi e flessibilità: oltre che in bottiglia quasi tutti i vini sono proposti al calice e in quartino, con ricarichi più che modesti. Al bicchiere si oscilla dai 2€ di un Elephas Lazio Bianco Igt di Castello di Torre in Pietra fino agli 8€ di un calice di Montefalco Sagrantino Docg 2011.

L'Osteria dell'Elefante. Via di Torre in Pietra 247, loc.Torre in Pietra, Fiumicino. Tel 06.61697070. Pagina Facebook.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :