Magazine Editoria e Stampa

Pagine sito in calo. Come usare i filtri della Search Console per scoprirle e correre ai ripari

Da Flavio
Pagine sito in calo. Come usare i filtri della Search Console per scoprirle e correre ai ripari

Quando avviene un calo di traffico nel proprio sito, molto spesso non si è subito in grado di capirne il motivo. I perché di un calo di traffico possono essere molti e per esperienza, vi dico che quasi mai è colpa di una penalizzazione di Google. Ad esempio, uno dei casi più frequenti, è quello di un calo di traffico che colpisce le pagine migliori, quelle che fino a ieri ci portavano una gran mole di visite.

Perché il traffico delle pagine cala

Uno dei motivi, è che il traffico delle pagine cala perché diventano obsolete e altri siti hanno proposto contenuti più freschi e aggiornati a cui Google, proprio in virtù di queste caratteristiche, ha deciso di assegnare le posizioni migliori a scapito di quei siti che le occupavano in precedenza.

Questa è una cosa che succede sempre. È matematico. E infatti avrete sentito spesso consigliare di aggiornare i vecchi contenuti per arricchirli e mantenerli freschi e competitivi.

In effetti, il ciclo di vita di una qualsiasi pagina di un qualsiasi sito web è proprio questo. Si pubblica un contenuto maggiormente rilevante di quello presente sugli altri siti e si nota un aumento del traffico generale, grazie a al valore apportato da questa nuova pagina web.

Col tempo poi, inizia l'inesorabile calo e, per le ragioni spiegate sopra, quella pagina ben posizionata, scende i gradini della classifica di ricerca. Conseguentemente il traffico al sito cala.

Abbiamo già detto cosa fare affinché questo non succeda (aggiornare l'articolo).

Naturalmente, questo è solo uno dei possibili motivi. La stagionalità di una keyword ad esempio, potrebbe costituire un altro motivo che spiega il calo del traffico, ma in questo caso non c'è da preoccuparsi più di tanto. Almeno fino a quando la pagina rende il giusto nella stagione in cui dovrebbe farlo.

Adesso invece vediamo come scoprire quali sono le pagine in calo del nostro sito web. E ci serviremo semplicemente della Search Console: gratuita ed affidabile.

La Google Search Console per individuare quali sono le pagine in calo del vostro sito

Ok. Loggatevi sulla Search console e cliccate su Prestazioni.

Aggiungi filtro cliccando su +NUOVO.

Seleziona come filtro la voce Pagina.

Inserisci la url della pagina.

Ed ecco l'andamento della pagina inserita. Da questo potrete capire se la pagina che state analizzando ha subito un calo di traffico. La figura che segue, mostra una pagina in evidente calo di traffico. Sarà il caso quindi di analizzare la serp e mettere in campo le azioni più idonee per recuperare le posizioni perse nella classifica di Google.

Ed ecco le chiavi che attivano la visualizzazione in SERP dello snippet relativo alla pagina analizzata. Comparando i numeri di ognuna di loro, in periodi di tempo diversi (es: ultimo mese vs mese precedente), potrete anche sapere quali sono le chiavi per le quali siete retrocessi in classifica e lavorarci sopra.

Possiamo anche ricavare i dati sull' andamento di una keyword per sapere quali pagine del nostro sito vengono mostrate su Google quando questa viene digitata dagli utenti.

Per farlo reimposta i filtri su query.

Scrivi la keyword selezionando dall'elenco a discesa " query che contengono " (ma posso farlo anche con la query esatta).

A questo punto la SC mi visualizza l' andamento della chiave.

Applicando altri filtri, nella sezione in basso posso sapere ad esempio, quali pagine vengono richiamate in serp con quella chiave.

O anche le query che contengono la chiave inserita nel filtro

Se smanettate un pochino, vedrete che riuscirete anche a capire da quale dispositivo navigano le vostre pagine , da quale paese e che tipo di visualizzazione viene messa in serp, AMP o classica.

Insomma la funzionalità non solo vi permette di capire se una pagina è in calo o meno, ma anche di carpire tante altre informazioni che permettono di migliorare sia la SEO che la UX del vostro sito.

Io la trovo una risorsa utilissima, specialmente perché sono dati che ci da direttamente Google e quindi veritieri al 100%. Ok, poi con altri tool a pagamento dovrete sbattervi di meno per ottenere queste informazioni. Ma considerate che nessun tool può essere preciso come la Search Console e che quest'ultima è completamente gratuita.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog